Mercoledì 08 Novembre 2017 - 10:15

Papa Francesco: "In alto i cuori, non i cellulari. La messa non è uno spettacolo"

Bergoglio rimprovera preti e fedeli durante l'udienza del mercoledì

La Messa di Santa Marta di Papa Francesco

Che 'In alto i nostri cuori' non si declini in 'In alto i vostri cellulari'. Papa Francesco inizia il nuovo ciclo di catechesi delle udienza generali sul tema della messa tirando le orecchie a chi è distratto dal celebrante o da qualunque altra cosa. "A me dà tanta tristezza - racconta - quando celebro e vedo i cellulari alzati. E non solo dei fedeli, ma anche di tanti preti e vescovi. Ma per favore! La messa non è uno spettacolo".

Durante la celebrazione, fa notare, "siamo con il Signore". Eppure, "tante volte parliamo tra noi, non celebriamo vicino a lui. Se oggi venisse qui il Presidente della Repubblica o qualche persona molto importante, tutti vorremmo salutarlo. Ma quando noi andiamo a messa lì c'è il Signore - ripete -. E tu sei distratto? Dite 'ma le messe sono noiose'. Il Signore è noioso? 'No, no, è il sacerdote'. Sono i preti? Allora che si convertano i preti!".

Le nuove catechesi sono dedicate, spiega, a "riscoprire il valore e il significato" della celebrazione eucaristica. E invita a porsi alcune "semplici domande": "Per esempio, perché si fa il segno della croce e l'atto penitenziale all'inizio della Messa? Avete visto come i bambini fanno il segno della Croce? Non si sa se è il segno o un disegno", dice mimando con la mano un gesto confuso. "Bisogna insegnare ai bambini a farlo bene. Così incomincia la Messa, così incomincia la vita, così incomincia la giornata".

"E quelle letture, nella messa, perché stanno lì? Perché la domenica si leggono tre Letture e gli altri giorni solo due? Perché stanno lì, cosa significano, cosa c'entrano?". A queste domande il Pontefice cercherà di rispondere nelle prossime udienze generali, puntando lo sguardo "sul cuore della Chiesa, cioè l'Eucaristia", perché "è molto importante tornare alle fondamenta, riscoprire ciò che è l'essenziale, attraverso quello che si tocca e si vede nella celebrazione dei Sacramenti". Infine esorta i cristiani di tutto il mondo ad andare avanti, a resistere alle persecuzioni: "Non possiamo dimenticare - dice - il gran numero di cristiani che, nel mondo intero, in duemila anni di storia, hanno resistito fino alla morte per difendere l'Eucaristia; e quanti, ancora oggi, rischiano la vita per partecipare alla messa domenicale". E ricorda un gruppo di cristiani, del nord Africa, nell'anno 304 (durante le persecuzioni di Diocleziano) sorpreso a celebrare la messa in una casa e arrestato. "Il proconsole romano, nell'interrogatorio, chiese loro perché l'avessero fatto, sapendo che era assolutamente vietato. Ed essi risposero: 'Senza la domenica non possiamo vivere', che voleva dire: se non possiamo celebrare l'Eucaristia, non possiamo vivere, la nostra vita cristiana morirebbe".
 

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti da sei Paesi Ue

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili, 70 anni di abusi in Pennsylvania coperti dalla Chiesa

Un Grand giurì ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti su oltre mille bambini