Lunedì 23 Gennaio 2017 - 15:15

Papa Francesco: Il denaro sporco è insanguinato, i mafiosi si fermino

Ricevuti in udienza i membri della direzione antimafia e antiterrorismo

Papa Francesco: Il denaro sporco è insanguinato, i mafiosi si fermino

 Il diavolo, si sa, "entra dalle tasche". Il denaro degli affari sporchi e dei delitti mafiosi, per di più, è "denaro insanguinato" e produce un "potere iniquo". Papa Francesco parla ai membri della direzione antimafia e antiterrorismo, che riceve in udienza accompagnati dal procuratore nazionale, Franco Roberti e per l'intera udienza non smette di ringraziarli: "Desidero esprimervi il mio apprezzamento e il mio  incoraggiamento per la vostra attività, difficile e rischiosa, ma quanto mai indispensabile per il riscatto e la liberazione dal potere delle associazioni criminali, che si rendono responsabili di violenze e sopraffazioni macchiate da sangue umano". "Vi sono molto vicino", scandisce.

Roberti è una vecchia conoscenza di Papa Francesco, perché da pm si è occupato della vicenda spinosissima che ha coinvolto monsignor Nunzio Scarano, ex contabile dell'Apsa - la 'banca' della Santa Sede - accusato di aver organizzato un tentativo di rimpatrio illegale dalla Svizzera di 20 milioni di euro in contanti, parte di un tesoretto di 41 milioni che gli investigatori ipotizzavano appartenesse a una storica famiglia di armatori italiani.

"Il lavoro che voi svolgete - dice oggi ai membri della Dia - comporta anche il rischio della vita, questo lo so. O il rischio di altri pericoli per voi e per le vostre famiglie. Il modo mafioso di agire fa queste cose. Per questo esso richiede un supplemento di passione, di senso del dovere e di forza d'animo. Io vi assicuro che vi sono tanto vicino e prego per voi". Chiede agli uomini e alle donne di mafia una conversione dei cuori "affinché si fermino, smettano di fare il male, cambino vita".

Non può, davanti a chi si occupa di arginare la piaga del traffico di esseri umani, non parlare di migranti: "i più deboli dei deboli". E' per questo che il contrabbando di chi fugge da miseria e guerra è un reato "gravissimo". Quello che serve per il Pontefice è rafforzare la tutela delle vittime, "prevedendo assistenza legale e sociale di questi nostri fratelli e sorelle in cerca di pace e di futuro". "Quanti fuggono dai propri Paesi a causa della guerra, delle violenze e delle persecuzioni - torna a ripetere - hanno diritto di trovare adeguata accoglienza e idonea protezione nei Paesi che si definiscono civili".
 

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie