Lunedì 23 Gennaio 2017 - 15:15

Papa Francesco: Il denaro sporco è insanguinato, i mafiosi si fermino

Ricevuti in udienza i membri della direzione antimafia e antiterrorismo

Papa Francesco: Il denaro sporco è insanguinato, i mafiosi si fermino

 Il diavolo, si sa, "entra dalle tasche". Il denaro degli affari sporchi e dei delitti mafiosi, per di più, è "denaro insanguinato" e produce un "potere iniquo". Papa Francesco parla ai membri della direzione antimafia e antiterrorismo, che riceve in udienza accompagnati dal procuratore nazionale, Franco Roberti e per l'intera udienza non smette di ringraziarli: "Desidero esprimervi il mio apprezzamento e il mio  incoraggiamento per la vostra attività, difficile e rischiosa, ma quanto mai indispensabile per il riscatto e la liberazione dal potere delle associazioni criminali, che si rendono responsabili di violenze e sopraffazioni macchiate da sangue umano". "Vi sono molto vicino", scandisce.

Roberti è una vecchia conoscenza di Papa Francesco, perché da pm si è occupato della vicenda spinosissima che ha coinvolto monsignor Nunzio Scarano, ex contabile dell'Apsa - la 'banca' della Santa Sede - accusato di aver organizzato un tentativo di rimpatrio illegale dalla Svizzera di 20 milioni di euro in contanti, parte di un tesoretto di 41 milioni che gli investigatori ipotizzavano appartenesse a una storica famiglia di armatori italiani.

"Il lavoro che voi svolgete - dice oggi ai membri della Dia - comporta anche il rischio della vita, questo lo so. O il rischio di altri pericoli per voi e per le vostre famiglie. Il modo mafioso di agire fa queste cose. Per questo esso richiede un supplemento di passione, di senso del dovere e di forza d'animo. Io vi assicuro che vi sono tanto vicino e prego per voi". Chiede agli uomini e alle donne di mafia una conversione dei cuori "affinché si fermino, smettano di fare il male, cambino vita".

Non può, davanti a chi si occupa di arginare la piaga del traffico di esseri umani, non parlare di migranti: "i più deboli dei deboli". E' per questo che il contrabbando di chi fugge da miseria e guerra è un reato "gravissimo". Quello che serve per il Pontefice è rafforzare la tutela delle vittime, "prevedendo assistenza legale e sociale di questi nostri fratelli e sorelle in cerca di pace e di futuro". "Quanti fuggono dai propri Paesi a causa della guerra, delle violenze e delle persecuzioni - torna a ripetere - hanno diritto di trovare adeguata accoglienza e idonea protezione nei Paesi che si definiscono civili".
 

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Torino, cade pezzo di scenografia al Teatro Regio: feriti due coristi

L'incidente durante il secondo atto della Turandot

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello

"Fate troppo chiasso": sacerdote picchia bimbi durante l'ora di catechismo

E' accaduto in una parrocchia di Dragona (Roma Sud). Il religioso è stato denunciato