Mercoledì 04 Maggio 2016 - 10:45

Papa: Cristiani non devono 'puzzare di chiuso', ma aprirsi

"Dio non conosce la cultura dello scarto, accogliere tutti" aggiunge il Pontefice

Papa Francesco

"Noi cristiani non dobbiamo essere chiusi, perché avremmo il puzzo di cose chiuse. Mai, dovremmo uscire e questo chiudersi in se stesso, succede quendo manca lo slancio missionario che ci porta a incontrare gli altri. Per Dio nessuno è definitivamente perduto, mai. Fino all'ultimo momento Dio ci cerca". Questo il messaggio di Papa Francesco in piazza San Pietro per l'udienza generale del mercoledì, in cui si è richiamato alla parabola del Buon pastore.

 

"Dio non conosce la nostra attuale cultura dello scarto. Dio non scarta nessuna persona, ama tutti, cerca tutti. Tutti, uno per uno. Lui non conosce queste parole, 'scartare la gente'" ha aggiunto il Pontefice. "Neppure 99 pecore possono fermare il pastore - ha sottolineato-. Lui potrebbe ragionare: 'faccio un bilancio, ne ho 99, ne ho persa solo una'. No, lui va a cercare quella, perché ognuna è molto importanrte per lui e quella è la più bisognosa, la più abbandonata la più scartata e lui va a cercarla". "Siamo tutti avvisati - ha continuato il Papa -: la misericordia verso i peccatori è lo stile con cui agisce Dio e a questa misericordia lui è fedele. Il Signore va cercato là dove lui vuole incontrarci non dove noi pretendiamo di trovarlo".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere