Venerdì 30 Settembre 2016 - 13:15

Papa a Tblisi prega per Siria e Iraq: Popoli sfiniti dalle bombe

Viaggio in Georgia e Azerbaigian per il Pontefice

Papa arrivato a Tblisi: Nel Caucaso per favorire il dialogo

Dopo il viaggio in Armenia, dal 24 al 26 giugno scorsi, Papa Francesco torna nel Caucaso, da oggi al 2 ottobre. Questa volta visiterà la Georgia e l'Azerbaigian; la decisione di dividere il viaggio in due tappe è stata dettata molto probabilmente da ragioni diplomatiche: è da 1992 che l'Armenia e l'Azerbaigian sono in guerra per l'enclave del Nagorno Karabach, anche se già dal 1988 la regione è stata terreno di violenza e pulizia etnica da entrambe le parti.

Ad accogliere il Pontefice, atterrato da poco a Tblisi, ci sono il presidente della Repubblica, Giorgi Margvelashvili, con la moglie, e il Catholicos patriarca Ilia II.

PAPA PREGA PER SIRIA E IRAQ. "Signore Gesù, stendi l'ombra della tua croce sui popoli in guerra: imparino la via della riconciliazione, del dialogo e del perdono; fa' gustare la gioia della tua risurrezione ai popoli sfiniti dalle bombe: solleva dalla devastazione l'Iraq e la Siria; riunisci sotto la tua dolce regalità i tuoi figli dispersi: sostieni i cristiani della diaspora e dona loro l'unità della fede e dell'amore". E' questo uno dei passaggi della preghiera per la pace recitata da Papa Francesco nella chiesa di San Simone Bar Sabbae di Tblisi, per l'incontro con la comunità assiro-caldea.

"Signore Gesù - aggiunge -, unisci alla tua croce le sofferenze di tante vittime innocenti: i bambini, gli anziani, i cristiani perseguitati; avvolgi con la luce della Pasqua chi è ferito nel profondo: le persone abusate, private della libertà e della dignità; fa' sperimentare la stabilità del tuo regno a chi vive nell'incertezza: gli esuli, i profughi, chi ha smarrito il gusto della vita".

Sabato 1 ottobre la giornata inizierà con la messa nello stadio M. Meskhi. Dopo la messa, il Papa incontrerà i sacerdoti, le religiose e i religiosi nella chiesa dell'Assunta; gli assistiti e con gli operatori delle opere di carità della Chiesa davanti al Centro di assistenza dei Camilliani e visiterà la cattedrale patriarcale Svietyskhoveli di Mskheta.

L'ultimo giorno, domenica 2 ottobre, il Papa si congederà con una cerimonia all'Aeroporto Internazionale di Tbilisi. In mattinata si sposterà a Baku, in Azerbaigian, per una messa nella chiesa dell'Immacolata nel Centro salesiano, dove resterà a pranzo con la comunità.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rigopiano, 9 estratti vivi, ancora 23 i dispersi. Bubbico: Continuiamo a sperare

Rigopiano, 9 estratti vivi, ancora 23 i dispersi. Bubbico: Continuiamo a sperare

Undici i sopravvissuti, nove sono in ospedale. Cinque le vittime accertate. Sentiti "nuovi segnali" sotto le macerie dell'albergo

Terremoto, Curcio: Con prevenzione solo predicata perderemo sempre

Terremoto, Curcio: Con prevenzione solo predicata perderemo sempre

"La vera attività va fatta prima, in termini di una pianificazione che deve essere più ampia e strutturata"

Novara, incendio in casa: due anziani perdono la vita

Novara, incendio in casa: due anziani perdono la vita

Si è messa in salvo invece la figlia della coppia

 Hotel Rigopiano, miracolo e angoscia dopo la slavina

REPORTAGE Hotel Rigopiano, miracolo e angoscia dopo la slavina

Si riunisce così la famiglia di Giampiero Parete, colui che aveva lanciato l'allarme