Domenica 13 Agosto 2017 - 12:30

Papa: Aggrapparsi ad oroscopi e cartomanti ci fa andare a fondo

Ciò che salva la Chiesa "non sono il coraggio e le qualità dei suoi uomini ma la fede"

Papa: Aggrapparsi ad oroscopi e cartomanti ci fa andare a fondo

"Quando non ci si aggrappa alla parola del Signore, ma per avere sicurezza, più sicurezza, si consultano oroscopi e cartomanti, si comincia ad andare a fondo. La fede non è tanto forte. Il Vangelo di oggi ci ricorda che la fede nel Signore e nella sua parola non ci apre un cammino dove tutto è facile e tranquillo; non ci sottrae alle tempeste della vita". Così Papa Francesco nel consueto Angelus domenicale a piazza San Pietro. "La fede ci dà la sicurezza di una Presenza, non dimentichiamolo, che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio. La fede, insomma, non è una scappatoia dai problemi della vita, ma sostiene nel cammino e gli dà un senso" spiega.

Ciò che salva la Chiesa "non sono il coraggio e le qualità dei suoi uomini: la garanzia contro il naufragio è la fede in Cristo e nella sua parola. Su questa barca siamo al sicuro, nonostante le nostre miserie e debolezze, soprattutto quando ci mettiamo in ginocchio e adoriamo il Signore". Così Papa Francesco nel consueto Angelus domenicale a piazza San Pietro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: fermato presunto omicida

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili