Lunedì 23 Maggio 2016 - 16:00

Papa abbraccia imam al-Azhar: Rifiuto violenza e terrorismo

Nel colloquio il Papa e l'Imam hanno rilevato l'importanza "di questo nuovo incontro e del dialogo fra la Chiesa cattolica e l'Islam"

Papa Francesco riceve in udienza Lo Sceicco Prof. Ahmad Muhammad al-Tayyib

Papa Francesco ha ricevuto in udienza lo Sceicco Ahmad Muhammad al-Tayyib, Grande Imam di Al-Azhar, celebre università musulmana sunnita del Cairo, accogliendolo con un abbraccio. Il "comune impegno delle autorità e dei fedeli delle grandi religioni per la pace nel mondo, il rifiuto della violenza e del terrorismo, la situazione dei cristiani nel contesto dei conflitti e delle tensioni nel Medio Oriente e la loro protezione" sono alcuni dei temi affrontati, secondo quanto comunica la Santa Sede.

Lo Sceicco al-Tayyib, accompagnato dalla propria delegazione, è stato accolto e introdotto al Pontefice dal presidente del pontificio consiglio per il Dialogo interreligioso, il cardinale Jean-Louis Tauran, e dal segretario dello stesso dicastero, monsignor Miguel Ángel Ayuso Guixot. Nel colloquio di circa 30 minuti il Papa e l'Imam hanno rilevato "il grande significato di questo nuovo incontro nel quadro del dialogo fra la Chiesa cattolica e l'Islam".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere