Giovedì 19 Maggio 2016 - 15:30

Pannella, Capezzone: Il mio ricordo tra Shopenhauer e i Pink Floyd

"Ha scritto pagine di storia incancellabili", così il parlamentare di Forza Italia, già segretario dei Radicali

Pannella e Capezzone

"In memoria di Marco Pannella, e per tentare di comprenderne ancora qualcosa, non trovo di meglio che due riferimenti, forse lontanissimi fra loro, o forse no. Da un lato, 'Il mondo come volontà e rappresentazione' di Schopenhauer: un'affermazione potente e assoluta di volontà, di soggettività, di riconduzione della realtà a ciò, e solo a ciò, che un uomo - in questo caso, lui, Marco - voleva e vedeva. Dall'altro, e non colgo contraddizioni, 'Shine on you crazy diamond' dei Pink Floyd, il loro omaggio al geniale Syd Barrett, all'amico perduto, all'ispiratore perso, ma anche il riconoscimento dell'anomalia, della follia, dell'imponderabile che ci abita, che cambia irrimediabilmente il corso delle cose, l'incombere di un mistero più grande di noi". Così Daniele Capezzone ricorda Marco Pannella.

 

"Marco Pannella - aggiunge Capezzone - armato solo di una volontà tenace e di matite smozzicate, ha scritto pagine di storia incancellabili. Ha amato la politica più di se stesso. Ha fatto della sua follia - reale o apparente - un metodo. Ha educato generazioni di giovani alla libertà, da tutto, e - più faticosamente - anche e perfino da lui. Non senza ferite e conflitti: ma ha creato le condizioni per consentire e dissentire con chiunque, il più vicino o il più lontano, a partire da lui stesso. Ha onorato politica, idee e istituzioni come una religione laica, e - per lui, in questo caso - dubito solo dell'aggettivo, non del sostantivo. Ho conosciuto almeno due lati della sua personalità inafferrabile e irriducibile: la generosità creativa, e un accanimento feroce, fratelli l'uno dell'altra".

 

"Della sua vita - conclude Capezzone - ciascuno rilegga e scelga, e cerchi di comprendere, le pagine più congeniali per ognuno di noi. Dall'estrema sinistra all'estrema destra, se ancora esistono, ciascuno troverà spunti, illuminazioni, lampi. E soprattutto due cose in eredità. La prima: la necessità non di vincere ma di convincere, di 'vincere con', l'atto di amore (e insieme la presunzione un po' diabolica) di non prevalere ma di persuadere e camminare insieme. La seconda: un monito con il sapore dell'ossessione, ma di un'ossessione giusta e attuale. La democrazia, lo Stato di diritto, le regole, la circolazione delle idee, la comunicazione: più necessari dell'ossigeno.  E il dolore di constatare l'impossibilità (nell'Italia del 2016 è ancora così) di proporre novità se la libera circolazione delle idee è ostruita, impedita, alterata".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"