Martedì 14 Marzo 2017 - 14:30

Panda Natural Power a Cap per test di 80mila km con biometano

Si tratta di una sperimentazione che durerà alcuni mesi

Panda Natural Power a Cap per test di 80mila km con biometano

E' stata consegnata oggi, al Motor Village di Fiat Chrysler Automobiles di Torino, una Fiat Panda Natural Power che percorrerà 80 mila chilometri alimentata con il biometano prodotto da Gruppo Cap, gestore del Servizio Idrico Integrato della Città Metropolitana di Milano. Si tratta di una sperimentazione che durerà alcuni mesi e che ha come obiettivo la valutazione da parte dei tecnici del Centro Ricerche di Fca del biometano prodotto da fanghi di depurazione e acque reflue.

Si tratta di un biocarburante in grado di offrire una mobilità davvero ecosostenibile, con emissioni di CO2 abbattute del 97 per cento rispetto a un modello a benzina. La Panda - dal 2007 l'auto a gas naturale più venduta in Europa, che da poco ha superato i 300 mila esemplari prodotti - per l'intera durata della sperimentazione farà il pieno presso il depuratore di Gruppo Cap a Bresso-Niguarda (Milano), dove sta per nascere il primo distributore italiano di biometano a km zero, con un combustibile prodotto dalle acque di scarto della città.
 

Scritto da 
  • redazione
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Esterni della sede del quotidiano il sole 24 ore in viale monte rosa a Milano

Sole 24 Ore, cda nomina Edoardo Garrone presidente

La nomina dopo l'addio dell'ad Moscetti e del presidente Fossa

Dal 9 luglio Elisa Ambanelli Head of Entertainment di LaPresse

È stata la prima donna in Italia a dirigere un canale generalista free. Svilupperà l'area produzioni televisive dell'azienda

Bwt, a Milano showroom dell'acqua: produzione e consumo consapevoli

La società, presente da 40 anni in Italia, propone prodotti per addolcire, filtrare e purificare l'acqua per diversi scopi alimentari e terapeutici. In Italia già oltre duemila fontane che distribuiscono acqua filtrata e refrigerata

Sole 24 Ore, se ne va l'ad Moscetti. Il Cdr: "No alla buonuscita"

Protestano i giornalisti del gruppo: "Continua la fase d'incertezza". E promette azioni di responsabilità