Lunedì 04 Aprile 2016 - 19:30

Panama Papers, governo spagnolo indagherà su Messi

Il campione nega il coinvolgimento nello scandalo che riguarda lo studio Mossack Fonseca

Panama Papers, governo spagnolo indagherà su Messi

Il ministero delle Finanze spagnolo indagherà anche nei confronti della stella del Barcellona Lionel Messi, il cui nome, secondo quanto riporta l'Irish Times, compare nello scandalo 'Panama Papers', i documenti dello studio legale panamense che rivelano la presenza di società di comodo in paradisi fiscali di politici, sportivi e uomini d'affari. "A tal proposito la famiglia della 'Pulce' argentina in una nota ha chiarito che "Messi non ha compiuto nessuno degli atti che gli vengono imputati, essendo false e ingiuriose le accuse di una nuova rete di evasione fiscale e di riciclaggio di denaro - si legge nella nota pubblicata dai media spagnoli -. La società panamense è totalmente inattiva, non ha mai avuto fondi o conti correnti aperti". In chiusura la famiglia Messi fa sapere di aver "incaricato i propri avvocati per valutare le possibili azioni legali contro i media che hanno diffuso questa notizia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Poche ore fa il sito Politico citava fonti ufficiali secondo cui il presidente aveva in programma di bloccare la pubblicazione, ma il nuovo tweet smentisce questa versione