Giovedì 07 Aprile 2016 - 09:00

Panama Papers, famiglia Mao Zedong ha usato paradisi fiscali

Anche i familiari del fondatore della CIna hanno aperto società off-shore alle isole Vergini britanniche

Panama Papers, famiglia Mao Zedong ha usato paradisi fiscali

 Anche i familiari di Mao Zedong, fondatore della Repubblica popolare cinese, hanno aperto società off-shore in paradisi fiscali alle isole Vergini britanniche. Sono le ultime rivelazioni che emergono dai documenti 'Panama Papers' pubblicati dal Consorzio internazionale di Giornalisti investigativi (Icij). Secondo le informazioni, Chen Dongsheng, marito di una delle nipoti di Mao, era proprietario della Keen Best International Limited, società con sede nell'arcipelago dei Caraibi.

In realtà, come buona parte delle centinaia di casi denunciati dai documenti dello studio legale panamense, Mossack Fonseca, l'azienda della famiglia di Mao non è illegale, anche se si sospetta che possa essere stata usata per riciclare denaro o evadere il fisco. Inoltre, è risultato che il 29% delle 16.300 società internazionali che lo studio legale panamense Mossack Fonseca ha rappresentato fino al 2015 provengono da Cina e Hong Kong.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PinkNews awards dinner

Brexit, May spinge su diritti cittadini Ue. E promette: "Resterete in Gb"

In post su Fb la premier britannica rassicura i comunitari regolarmente residenti nel Regno Unito

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"