Mercoledì 15 Giugno 2016 - 17:30

Panama Papers, arrestato un informatico di Mossack Fonseca

Non ci sono prove che l'uomo arrestato sia responsabile della fuga di notizie di aprile

Panama Papers, arrestato un informatico di Mossack Fonseca

Un informatico dell'ufficio di Ginevra dello studio Mossack Fonseca dal quale sono filtrati ad aprile i Panama papers è stato arrestato diversi giorni fa perché sospettato di avere recentemente rimosso una grande quantità di dati. Lo riporta il quotidiano svizzero Le Temps, citando una fonte vicina al caso. Un portavoce dell'ufficio del procuratore di Ginevra ha confermato a Reuters l'apertura di un'indagine a seguito di una denuncia presentata dalla società, ma non ha aggiunto altri dettagli.
 

Mossack Fonseca, studio legale con sede a Panama, è al centro di una massiccia fuga di dati legata agli affari offshore, nota appunto come 'Panama papers'. Secondo il quotidiano, non ci sono prove che l'uomo arrestato sia responsabile della fuga di notizie di aprile.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storico referendum sull'aborto in Irlanda: pesano gli indecisi

Il Paese ha una delle leggi più restrittive d'Europa sull'interruzione volontaria di gravidanza, proibita in ogni sua forma

Corea del Nord, no al vertice Kim-Trump se basato su stop unilaterale al nucleare

Nord Corea, Trump: summit Singapore non si terrà anche se Kim ha smantellato sito test nucleari

L'annuncio in una lettera al leader nordcoreano dopo giorni di incertezza. Da Punggye-ri erano stati lanciatati i sei missili atomici

Oceano indiano, trovati rottami: si pensa al jet malese scomparso

Il missile che abbattè il volo MH17 fu lanciato da una brigata russa

La rivelazione del Joint Investigation Team che indaga sul caso dell'aereo della Malaysia Airlines

La figlia di M.L. King contro Bannon: "Mio padre fiero di Trump? Sarebbe molto preoccupato"

Bernice King non ha affatto apprezzato l'intervista dell'ex stratega del presidente alla Bbc