Lunedì 21 Marzo 2016 - 14:15

Palermo, Zamparini: Ancora due mesi, poi lascerò

"Ho fatto il Don Chisciotte per tutta la vita", così si descrive il presidente dei rosanero

Palermo, Zamparini: Ancora due mesi, poi lascerò

 "Questo calcio mi ha stancato tantissimo, ancora penso due mesi di vita con questo calcio, poi lascerò". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, a margine dell'assemblea della Lega Serie A.

'FELICE SE LA PRENDONO PALERMITANI'. "Sto preparando tutto, ma io non farò più il presidente di sicuro. Non è la Lega Calcio, non è il calcio che io ho trovato 35 anni fa quando sono arrivato. È cambiato moltissimo, in peggio", ha aggiunto il numero uno del Palermo. "Lascerò a investitori italiani o stranieri? Quello che trovo, quello che trovo. Sarei felice se lo prendessero i palermitani. Anche a un prezzo molto, molto basso se lo prendono i palermitani. Però, vediamo. Non è facile, perché questo non è causa del calcio, ma del sistema Italia. Per cui anche il sistema Lega calcio copia anche il sistema Italia. Non è che sia diverso. Non possiamo vivere in un paese disastrato come il nostro e pretendere una Lega e una Federazione che sia...è l'espressione di noi italiani", ha concluso Zamparini.

'HO ALTRO DA FARE'. "Se non trovo acquirenti, ci sarà un presidente di transizione che troverà nuovi acquirenti. Abbiamo un bilancio ottimo, diventerà perfetto con la cessione di Vazquez e altri come Lazaar. Lascio il calcio definitivamente? Ho 75 anni, ho altro da fare (ride, ndr)", ha detto ancora Zamparini.

DON CHISCIOTTE. "Questa è una delle ultime riunioni a cui parteciperò: ho fatto il Don Chisciotte per tutta la vita, ritirerò il ricorso" sulla ripartizione dei diritti tv "ma non sono d'accordo con questo sistema". Così il presidente del Palermo si descrive. Un fiume in piena l'imprenditore friulano. "Ho detto parole forti sulla Fifa come anche la procura americana. Infantino non lo conosco, è una brava persona ma non ho fiducia nella Fifa. Spero che la cambi. La mercanzia di voti non è nuova, c'è sempre stata e l'ha scoperto anche la procura", ha risposto a chi gli chiedeva un commento sul governo del calcio mondiale. Poi Zamparini ha parlato degli arbitri: "Quest'anno non ho detto niente, ma il Palermo è l'unica squadra che non ha avuto un rigore a favore, del Napoli quello che mi ha fatto male non è stato l'errore ma la gestione della stampa".

VAZQUEZ AL MILAN? "Ci sono due o tre squadre, di cui due inglesi, che chiedono Vazquez. La prima che si fa sotto in maniera decisa, sempre che il giocatore sia d'accordo, se lo prende", ha risposto Zamparini a chi gli chiedeva se Franco Vazquez a fine anno può andare al Milan. "Accordo di base con Galliani? C'è una richiesta che lui ha fatto, sicuramente. Con Galliani e Berlusconi c'è un ottimo rapporto, c'è stato un interessamento e sarei felice se andasse al Milan", ha aggiunto.

'A PALERMO MI RINGRAZIANO'. "A Palermo mi ringraziano tutti anche se andiamo in Serie B, ma questa non è la realtà che fa notizia questa. La stampa riporta solo quando sono contestato. Una volta uno mi ha detto: 'Meglio in serie C che senza di te'. E i titoli: 'Zamparini contestato'. Era uno". Lo ha detto con il sorriso sulle labbra il presidente del Palermo.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Per i red devils a segno il solito Ibrahimovic

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Le reti all'8' di Karelis, al 25' di Bailey, al 61' di Buffel e al 65' di Politano

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge Astra 4-0

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge l'Astra 4-0

A decidere le reti di Strootman, Fazio, Salah e l'autogol di Fabricio

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Nuova debacle per la squadra di De Boer, che chiude in dieci per l'espulsione di Ranocchia