Martedì 06 Giugno 2017 - 09:30

Palermo, fermata rete scafisti: sospettata di legami con terrorismo

L'operazione 'Scorpion fish' ha portato a 15 fermi

Palermo, sospetti di terrorismo legati a rete scafisti fermati

L'organizzazione di scafisti e contrabbandieri smantellata dalla guardia di finanza di Palermo nel corso dell'operazione 'Scorpion fish', che ha portato a 15 fermi, era pronta a "svolgere la propria illegale attività anche a favore di soggetti ricercati dalle autorità di polizia tunisine per la commissione di gravi reati o per avere possibili connessioni con formazioni di natura jihadista". Lo confermano le fiamme gialle. La rete di trafficanti, infatti, aveva in programma il trasporto sulle coste trapanesi, tra gli altri, di soggetti pericolosi. Uno di loro temeva, oltre che di essere arrestato dalla polizia tunisina, anche di essere respinto dalle autorità italiane per terrorismo. L'organizzazione chiedeva 2-3mila euro a ogni viaggiatore, con un guadagno fino a 40mila euro per ogni traversata.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie