Lunedì 10 Luglio 2017 - 15:00

Palermo, raid vandalico allo Zen: 'decapitata' la statua di Falcone

Testa staccata e usata come ariete per sfondare una vetrata di una scuola

Palermo, raid vandalico allo Zen: 'decapitata' la statua di Falcone

Grave atto vandalico nella notte a Palermo, nel quartiere popolare dello Zen. La statua dedicata al giudice Giovanni Falcone, e situata fuori dall'istituto Falcone-Borsellino di via Pensabene, nella notte è stata rimossa dalla base. La testa è stata staccata e usata come ariete per sfondare una vetrata di ingresso della scuola. La polizia ritiene si tratti di un atto vandalico e non di un tentativo di furto all'interno dell'istituto. La stessa scuola era già stata oggetto di raid vandalici alla fine del 2015.

 "Oltraggiare la memoria di #Falcone è una misera esibizione di vigliaccheria". Così il premier Paolo Gentiloni su Twitter.
 

"Sdegno, rabbia e rammarico per il gravissimo episodio accaduto oggi a Palermo. La memoria di Giovanni Falcone non potrà essere scalfita in nessun modo da alcuno. Proprio dalla sua memoria e dalla scuola, che con quel gesto vile è stata offesa, è iniziata la riscossa del popolo italiano e siciliano contro la mafia. Una battaglia lunga e impegnativa che sta vedendo e vedrà le mafie sconfitte". Lo afferma in una nota il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Non  si esclude che possa trattarsi di un incidente avvenuto in tempi  non recenti

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, migliaia sequestrate ad Ancona e Viterbo

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2