Mercoledì 16 Ottobre 2013 - 08:15

Palermo, maxioperazione finanza: 21 arresti

IMG

Palermo, 16 ott. (LaPresse) - La guardia di finanza di Palermo sta eseguendo 21 ordinanze di custodia cautelare, emesse, su richiesta della procura della Repubblica di Palermo, dal giudice per le indagini preliminari del locale tribunale, per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla perpetrazione di numerosi reati, quali sequestro di persona a scopo di rapina, rapina aggravata, furto aggravato, ricettazione e traffico di prodotti contraffatti.

 

Nel mirino, un'agguerrita organizzazione criminale con base operativa nel porto di Palermo responsabile di furti e rapine in serie, anche a mano armata, a furgoni e autoarticolati transitanti per lo scalo siciliano, nonché di traffico merce contraffatta proveniente dalla Campania. Fra i destinatari delle ordinanze un pregiudicato per mafia, fratello del boss detenuto della cosca di Borgo Vecchio, socio di una azienda di trasporti operante nel porto palermitano che monitorava per conto della banda arrivi e partenze dei carichi più interessanti da depredare.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato