Lunedì 19 Febbraio 2018 - 10:45

Palermo, facevano prostituire la figlia di 10 anni: arrestati i genitori

Fermati anche i due uomini con cui la bambina avrebbe avuto rapporti sessuali a pagamento

Madre e padre facevano prostituire la figlia di dieci anni nel palermitano. I due sono stati arrestati e messi ai domiciliari, assieme ai due uomini con cui la bambina avrebbe avuto rapporti sessuali a pagamento. I fatti risalgono all'estate scorsa quando, a Trappeto, i militari avevano notato un'auto appartata, su una strada sterrata adiacente un terreno agricolo, con a bordo un anziano uomo in compagnia di una bambina di dieci anni.

Le indagini hanno fatto emergere che, in più occasioni ed in tempi diversi, due uomini - un bracciante agricolo 61enne residente a Trappeto e un pensionato 78enne residente a Balestrate - avevano compiuto atti e rapporti sessuali, dietro pagamento in denaro, con la bambina. Ad organizzare e gestire gli incontri sarebbe stata la madre della minorenne che incassava somme tra i 5 ed i 25 euro, facendo prostituire la propria figlia e, in alcune circostanze, partecipando lei stessa ai rapporti sessuali in presenza della bambina. Anche il padre della minorenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari poiché, essendo a conoscenza degli abusi, non è mai intervenuto.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Lifeline ancora in attesa: "Aiutateci". Malta: "Si allontani per evitare escalation"

La nave in mare senza indicazioni su dove attraccare: "Abbiamo bisogno di farmaci e coperte". Roma dice no, La Valletta attacca l'ong: "Hanno violato le regole"

Milano, cornicione caduto in via Manara

Presidente 118: "Vite a rischio con numero unico 112". Appello a Salvini e Giulia Grillo

Intervista a Mario Balzanelli: "Perché rischiare se l'Europa non ce lo chiede? Ogni minuto guadagnato permette più possibilità di salvezza"

Omicidio Varani, in appello pg chiede 30 anni di carcere per Foffo

Il 23enne morì a Roma il 4 marzo del 2016 dopo quasi due ore di sevizie inflitte dall'imputato e dal complice Marco Prato