Venerdì 04 Marzo 2016 - 13:45

Palermo, duplice omicidio: fermati marito e moglie

Non ancora chiaro il movente del delitto, in cui è rimasto ucciso anche il genero del boss Bontate

Palermo, duplice omicidio Falsomiele: fermati marito e moglie

La squadra mobile di Palermo, diretta da Rodolfo Ruperti, ha fermato un 53enne e una 47enne, marito e moglie, per il duplice omicidio di ieri nel quartiere periferico di Falsomiele, a Palermo. Grazie all'ausilio di immagini di videosorveglianza, nonché alla collaborazione di alcuni testimoni, è stato possibile risalire all'identità dei coniugi, che vivono nei pressi del luogo del delitto. A seguito della perquisizione della coppia, con la passione per le armi, sono state diverse pistole, fucili da caccia e proiettili compatibili con quelli trovati sul luogo del delitto.

Non è stato ancora individuato il movente, ma dalle prime ricostruzioni pare che le due vittime siano state colpite prima al corpo con diversi colpi e poi freddate con un colpo alla testa.

I fermati negano ogni addebito, restano freddi e lucidi, ma il quadro probatorio a loro carico è forte. Sono ancora in corso le indagini da parte della sezione omicidi della squadra mobile di Palermo e si è in attesa di ulteriori riscontri da parte della polizia scientifica.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Igor il Russo è ancora ricercato, cinque indagati per il favoreggiamento del killer di Budrio

Proseguono le indagini per trovare l'uomo autore di due omicidi avvenuti otto mesi fa nel Ferrarese. Sono spuntati i nomi di alcune persone che lo avrebbero aiutato durante la fuga

Cielo nuvoloso su tutta l'Italia: il meteo del 24 e 25 novembre

Le previsioni di venerdì e sabato. In arrivo anche la pioggia al nord

FILE PHOTO: Michelangelo's fully restored and cleaned statue of David is shown-off at the Uffizi Gallery in Florence.

Il David non potrà essere usato per fini commerciali: la sentenza del tribunale di Firenze

Il divieto sarà valido su tutto il territorio italiano ed europeo

Usura e scommesse, blitz a Castellammare di Stabia

"Io, vittima dell'usura: volevano rapire mio figlio"

Parla un imprenditore "strozzato": "Ero come un drogato, un morto vivo". "Attraverso gli usurai la 'ndrangheta è entrata nei negozi di Roma"