Domenica 17 Dicembre 2017 - 10:30

Pakistan, attacco in chiesa a Quetta: almeno 8 morti e 45 feriti

Due uomini hanno aperto il fuoco quando la celebrazione della domenica era appena iniziata

Pakistan, autobomba a Peshawar

È di almeno 8 morti (sei uomini e due donne) e 45 feriti il bilancio di un attentato nella città di Quetta, nel sud-ovest del Pakistan, avvenuto questa mattina. Due attentatori suicidi hanno aperto il fuoco all'interno di una chiesa, quando la celebrazione della domenica era appena iniziata. Secondo quanto riferito da Sarfraz Bugti,  il ministro dell'Interno della provincia del Baluchistan, gli uomini armati indossavano giubbotti esplosivi: uno dei due si è fatto saltare in aria, l'altro è stato ucciso dalla polizia prima che potesse entrare nel santuario principale.

"C'erano circa 400 persone all'interno della chiesa, ma gli aggressori non potevano entrare", ha detto il capo della polizia provinciale Moazzam Jah. "Ne abbiamo ucciso uno e l'altro si è fatto esplodere dopo che la polizia lo ha ferito".

L'edificio religioso, la Bethel Memorial Methodist Church, era in allerta alta perché i luoghi di preghiera cristiani sono spesso obiettivo degli estremisti islamici, durante il periodo del Natale. Lo Stato islamico ha rivendicato l'attentato, ma non sono state fornite prove.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Messico blocca la vendita della Barbie-Frida Kahlo

Il giudice ha dato ragione alla famiglia dell'artista, che rivendicava di essere l'unica proprietaria dei diritti di immagine

PALESTINIAN-ISRAEL-GAZA-CONFLICT

Gaza, quattro palestinesi uccisi da spari Israele: sono 38 dal 30 marzo

Nuove vittime nel quarto venerdì consecutivo di mobilitazione massiccia al confine

FILES-US-BRITAIN-RUSSIA-ESPIONAGE-HISTORY

Usa, Putin disse a Trump: "Abbiamo le prostitute più belle del mondo"

È solo una delle frasi contenute nei memo dell'allora direttore dell'Fbi James Comey

Il mea culpa dell'Eta: "Ci scusiamo per il dolore causato"

Il gruppo separatista dei Paesi Baschi si dichiara pentito e chiede perdono alle vittime