Mercoledì 23 Novembre 2016 - 11:15

Padoan: Imprese pagheranno meno tasse nel 2017 per 23,5 mld

"Il contrasto all'evasione fiscale è tra le priorità del governo"

Padoan: Le imprese nel 2017 pagheranno meno tasse per 23,5 miliardi

"Le imprese nel 2017 pagheranno meno tasse per 23,5 miliardi, ma la crescita deve essere anche inclusiva, con politiche che guardino a cittadini più deboli. E l'evasione fiscale va contro l'equità. Nonostante i significativi interventi resta ancora molto da fare e il contrasto all'evasione fiscale è tra le priorità del governo". Sono le parole del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan all'inaugurazione dell'anno di studi della Guardia di finanza. Solo Il gap dell'Iva, ricorda Padoan, rappresenta il 40,5 percento del mancato tax income. "Sul fronte del rafforzamento alla lotta all'evasione ci sono misure nel disegno di legge fiscale varato insieme alla legge di bilancio: interviene principalmente in 4 aree- sottolinea - Le nuove disposizioni sull'Iva sono molto efficaci nella lotta all'evasione e semplificano la prassi della fatturazione elettronica, che comunque il governo non intende imporre ai privati".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto