Domenica 24 Luglio 2016 - 11:45

Padoan esclude 'bail in' su banche

"Con Commissione europea dialogo costruttivo sui gradi di flessibilità"

Padoan

"Escludo che al momento sia necessario" ricorrere ai meccanismi di autosalvataggio o "bail in" sulle banche italiane. Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan ai microfoni di RaiNews 24. "Con la Commissione europea abbiamo da tempo dialogo molto costruttivo riguardo alla definizione pratica dei gradi di flessibilità che, all'interno della normativa sul bail in, si possono ottenere. Quindi siamo confidenti" spiega il ministro in collegamento da  Chengdu, dove si è chiuso il G20 delle Finanze. Inoltre, ha sottolineato Padoan, "ribadisco quello che il presidente del Consiglio e io stesso abbiamo ripetuto in queste settimane: il risparmio sarà totalmente garantito".

"Tra pochi mesi - ha aggiunto Padoan - vareremo la legge di stabilità, che è la manovra che bisogna fare ogni anno, quindi valuteremmo il nuovo quadro macroeconomico alla luce di questo rallentamento globale, che purtroppo era già iniziato prima della Brexit. Comunque continueremo a tenere la barra dritta che è quella di una politica di consolidamento e di crescita allo stesso tempo". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair strike

Ryanair minaccia i piloti per lo sciopero. Calenda: "Indegno"

La compagnia low cost irlandese paventa sanzioni per chi incrocerà le braccia il 15 dicembre

Reddito di inclusione: come richiederlo a Roma

Parle la misura nazionale di contrasto alla povertà promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Copies of bitcoins standing on PC motherboard are seen in this illustration picture

Bitcoins volano oltre 18 mila dollari dopo debutto futures Cboe

La moneta virtuale accresce il suo valore, segnando un nuovo record storico

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno