Sabato 04 Giugno 2016 - 17:30

Padoan assicura: Crescita c'è, l'Italia accelera

"L'anno prossimo andremo ancora più veloce, in un contesto in cui tutta l'economia globale sta decelerando"

Padoan assicura: Crescita c'è, l'Italia accelera

"Sicuramente si può fare di più, ma non è vero che la crescita in Italia è debole. La crescita c'è e l'anno prossimo accelererà, in un contesto in cui tutta l'economia globale sta decelerando. L'Europa decelera, l'Italia accelera". Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo al Festival dell'Economia di Trento, rassicura il Paese sull'andamento dell'economia.

Padoan ha affermato inoltre che "è chiaro che i 1,2 punti percentuali di crescita per quest'anno potrebbero essere anche di più. Il governo ha rivisto le stime al ribasso come fatto da tutte le istituzioni internazionali, perché devono essere più accurate possibili".

"Ricordo che - ha spiegato ancora il titolare di via XX Settembre - le nostre stime per l'anno passato sono state più vicine di quelle di altri previsori e a me sembra che la fiducia stia aumentando: lo vediamo dagli indicatori, la fiducia delle famiglie è più forte e gli investimenti stanno ripartendo".

LE BANCHE. Il sistema bancario italiano "tornerà stabile in un orizzonte di due anni, che è il normale arco di tempo per la gestione delle sofferenze", ha proseguito Padoan. Il ministro ha sottolineato che la spinta arriverà dalle riforme "mai viste" fatte dal governo e dopo che gli istituti avranno completato "ricapitalizzazioni, fusioni e acquisizioni".

L'IRPEF. "Se ci sarà spazio per ulteriori tagli dell'Irpef per le famiglie, vedremo. Se potremo lo faremo, ma ci sono dei vincoli di bilancio", ha aggiunto. Alla domanda se il taglio dell'Ires potrebbe essere alternativo a una riduzione dell'Irpef, Padoan ha risposto che "ci sono degli impegni che sono stati già presi che riguardano l'Ires e saranno mantenuti".

L'ACCORDO TRA LE PARTI SOCIALI. La questione dei contratti "è uno sforzo che le parti sociali devono prendersi in carico e io penso che sarebbe una situazione 'win win', in cui tutti vinciamo", ha affermato il ministro dell'Economia.

Il fatto che il governo dovrebbe intervenire, ha proseguito Padoan, se non ci fosse un accordo tra le parti sociali "si può discutere: il governo può fare qualcosa in termini di incentivi, utilizzando le risorse nell'ambito del Jobs act per far sì che la contrattazione vada avanti". "Sono un forte sostenitore della contrattazione a livello locale: aumenta la produttività e la paga dei lavoratori e aggredisce il problema storico della produttività italiana", ha spiegato ancora il ministro.

Il taglio delle tasse previsto nella Legge di stabilità 2017, ha sottolineato il ministro, "è un ragionamento ancora aperto: abbiamo tagliato le tasse sulle imprese, sul costo del lavoro e sulla casa". "Le novità - ha proseguito - vanno a favore delle imprese, è importante che le imprese vengano sostenute adesso che c'è una ripresa degli investimenti".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"

Sposarsi costa 15mila euro, ma se va male c'è l'assicurazione

Dall'annullamento della cerimonia allo smarrimento delle fedi: ecco come recuperare i soldi spesi

US-ECONOMY-STOCKS-CLOSING

Stacey Cunningham è la prima donna al comando della Borsa di New York

La svolta a 226 anni dalla nascita del New York Stock Exchange