Sabato 26 Novembre 2016 - 14:45

Pa, Madia: Una regione non può fermare l'innovazione

Renzi: Sì per eliminare poltrone cda partecipate

Pa, Madia: Una regione non può fermare l'innovazione

"Una sola regione non può fermare l'innovazione dell'Italia. Anche per questo bisogna votare Sì". Lo scrive su Twitter la ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia, dopo la sentenza della Consulta. Ci sono troppe aziende partecipate che servono più alle poltrone dei consiglieri di amministrazione che ai cittadini. Noi le vogliamo ridurre".  In questo modo Matteo Renzi, a Genova, in occasione di un'iniziativa organizzata a sostegno del Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre. "Se passa il sì questo meccanismo diventa più semplice, c'è una sola Camera. Per eliminare qualche poltrona dei cda è possibile che noi dobbiamo fare tutto questo meccanismo anziché semplificare?. Il Sì al referendum sblocca questo meccanismo - ha aggiunto - non cambia niente nelle garanzie costituzionali. Cambia il sistema e diventa più semplice".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, XI Convegno in ricordo di Marco Biagi

Dl dignità, Cazzola: "Nessuna manina, tutto già nel testo. È autorete Di Maio"

Il giuslavorista ed ex parlamentare del Pdl sul sospetto sollevato da Di Maio che nell'Inps qualcuno avesse cambiato le previsioni sulle perdite dei posti di lavoro (passate da 8mila a 80mila nella relazione tecnica)

Luigi Di Maio e Vincenzo Boccia ospiti di "Bersaglio Mobile"

Dl dignità, Boccia: "Bene incentivi assunzioni, attendiamo proposta"

Il presidente di Confindustria apre alle modifiche al decreto, ma conferma l'opposizione degli industriali alla stretta sui contratti a termine

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms denuncia: "Libia lascia morire donna e bambino in mare". E attacca l'Italia

Salvini replica: "Da ong bugie e insulti, porti italiani chiusi". Quattro persone disperse dopo tuffo dal barcone, fermati gli scafisti

Migranti, Ue stoppa Salvini su porti in Libia. Sì alla mediazione Conte

La Commissione spinge per "soluzioni europee" e maggiore cooperazione tra gli Stati. No categorico sulla possibilità di riconoscere i porti libici come sicuri