Sabato 26 Novembre 2016 - 14:45

Pa, Madia: Una regione non può fermare l'innovazione

Renzi: Sì per eliminare poltrone cda partecipate

Pa, Madia: Una regione non può fermare l'innovazione

"Una sola regione non può fermare l'innovazione dell'Italia. Anche per questo bisogna votare Sì". Lo scrive su Twitter la ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia, dopo la sentenza della Consulta. Ci sono troppe aziende partecipate che servono più alle poltrone dei consiglieri di amministrazione che ai cittadini. Noi le vogliamo ridurre".  In questo modo Matteo Renzi, a Genova, in occasione di un'iniziativa organizzata a sostegno del Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre. "Se passa il sì questo meccanismo diventa più semplice, c'è una sola Camera. Per eliminare qualche poltrona dei cda è possibile che noi dobbiamo fare tutto questo meccanismo anziché semplificare?. Il Sì al referendum sblocca questo meccanismo - ha aggiunto - non cambia niente nelle garanzie costituzionali. Cambia il sistema e diventa più semplice".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi