Venerdì 25 Novembre 2016 - 17:30

P.a., Consulta boccia riforma Madia: Serve intesa con Regioni

La ministra convoca i sindacati per mercoledì 30: sul tavolo lo sblocco dei contratti nel pubblico impiego

P.a., la Corte Costituzionale boccia la riforma Madia: Serve intesa con Regioni

La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale delle norme contenenti la delega al Governo in tema di riorganizzazione della dirigenza pubblica nella parte in cui, pur incidendo su materie di competenza sia statale sia regionale, prevedono che i decreti attuativi siano adottati sulla base di una forma di raccordo con le Regioni, che non è l'intesa, ma il semplice parere, non idoneo a realizzare un confronto autentico con le autonomie regionali.

"Anche la sede individuata dalle norme impugnate non è idonea - scrive la Consulta nella sentenza - dal momento che le norme impugnate toccano sfere di competenza esclusivamente statali e regionali. Il luogo idoneo per l'intesa è, dunque, la Conferenza Stato-Regioni e non la Conferenza unificata".

La Corte Costituzionale, chiamata a  giudicare la legittimità costituzionale di alcune norme della legge di riforma delle amministrazioni pubbliche su ricorso della Regione Veneto, ha evidenziato "un concorso di competenze, inestricabilmente connesse, statali e regionali, nessuna delle quali è prevalente, in particolare in relazione all'istituzione del ruolo unico dei dirigenti regionali e alla definizione, da un lato, dei requisiti di accesso, delle procedure di reclutamento, delle modalità di conferimento degli incarichi, nonché della durata e della revoca degli stessi (aspetti inerenti all'organizzazione amministrativa regionale, di competenza regionale), dall'altro, di regole unitarie inerenti al trattamento economico e al regime di responsabilità dei dirigenti (aspetti inerenti al rapporto di lavoro privatizzato e quindi riconducibili alla materia dell'ordinamento civile, di competenza statale)".

La Corte ha invece respinto i dubbi di legittimità costituzionale proposti dalla Regione Veneto nei confronti delle norme recanti la delega a modificare e integrare il Codice dell'amministrazione digitale. 

"Le pronunce di illegittimità costituzionale - specifica la Consulta - colpiscono le disposizioni impugnate solo nella parte in cui prevedono che i decreti legislativi siano adottati previo parere e non previa intesa. Le eventuali impugnazioni delle norme attuative dovranno tener conto delle concrete lesioni delle competenze regionali, alla luce delle soluzioni correttive che il Governo, nell'esercizio della sua discrezionalità, riterrà di apprestare in ossequio al principio di leale collaborazione".

Intanto la ministra della Semplificazione e pubblica amministrazione Madia ha deciso di convocare per mercoledì 30 alle 11 i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Sul tavolo lo sblocco dei contratti nel pubblico impiego.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ballottaggi, Fratoianni (Si): Una Caporetto per il Pd di Renzi

Ballottaggi, Fratoianni (Si): Una Caporetto per il Pd di Renzi

"Noi lavoriamo ad una proposta politica chiara e di netta discontinuità"

Berlusconi: Pronto ad assumermi responsabilità del cambiamento

Berlusconi: Pronto a responsabilità e a nuova sfida di governo

"Centrodestra è prima coalizione, sia unito lo chiedono gli italiani"

Berlusconi stravince come il 'diavolo' di Baudelaire

ANALISI Berlusconi stravince come il 'diavolo' di Baudelaire

Prima ha fatto dimenticare se stesso poi ha riaperto un dialogo con il Paese: il modello Toti si può riprodurre a livello nazionale?

Martina avverte: Centrosinistra non è bastato, serve riflessione

Martina avverte: Centrosinistra non è bastato, serve riflessione

"Pd riorganizzi le proprie forze anche mettendo in discussione alcune scelte fatte"