Domenica 12 Novembre 2017 - 16:45

Ostia, Di Stefano: "Non farei più eventi Casapound con Spada"

Il vicepresidente prende le distanze dall'esponente del clan e spiega: "Due anni fa era incensurato"

Simone Di Stefano ospite a 1/2 ora in più

Roberto Spada "due anni fa era un incensurato e poteva organizzare eventi in piazza con Casapound. Oggi non permetterei di organizzare feste in piazza con lui". Il vicepresidente di Casapound, Simone Di Stefano, ospite di Lucia Annunziata a '1/2h in più' su Rai3, prende le distanze dall'esponente del clan Spada fermato per l'aggressione del giornalista della trasmissione Rai Nemo Daniele Piervincenzi e il filmmaker Edoardo Anselmi davanti alla palestra di Ostia.

Quanto ai rapporti dei dirigenti di Casapound Luca Marsella e Carlotta Chiaraluce con Roberto Spada, Di Stefano dice: "È evidente che ci sia amicizia su facebook tra Carlotta Chiaraluce, Luca Marsella e Roberto Spada. Lo trovo sconveniente. Io non ho rapporti con Spada". Spada e Marsella, dice Di Stefano, "si sono conosciuti in piazza a Ostia durante una festa per bambini organizzata da CasaPound". La palestra di Roberto Spada "è accreditata alla Regione Lazio e al Comune di Roma - dice il vicepresidente di Casapound - e se va bene a Regione e Comune, va bene anche per una festa in piazza. Altrimenti dovreste chiamare in questo studio pure Zingaretti".

Per Spada, il gip ha confermato sabato il fermo, riconoscendo l'aggravante del metodo mafioso nelle lesioni e nella violenza privata.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Valanga in Valmalenco, morti due scialpinisti

Valle Aosta, incidente sul Cervino: alpinista precipita e muore

Stava percorrendo la Cheminée, a 3700 metri di quota, a valle della Capanna Carrel

Esodo estivo - Controlli della Polizia Stradale

Estate, il primo controesodo segnato anche dal maltempo

Da un'indagine Coldiretti/Ixè diffusa proprio nel primo weekend dopo Ferragosto con i primi rientri per i 21 milioni di italiani in ferie

Genova, crolla parte di un ponte sull'A10: si scava tra le macerie

Ponte Genova, lunedì la consegna dei primi alloggi agli sfollati. Conte: "Non lasciamo sola la città"

Il 20 agosto verranno assegnate le sistemazioni a coloro costretti ad abbandonare le proprie abitazioni. Il governatore Toti: "Entro otto settimane ci sarà una casa per tutti"