Martedì 23 Gennaio 2018 - 13:00

Ostia, aggressione giornalisti: Spada e complice a processo il 30/3

L'Ordine dei giornalisti e la Federazione nazionale stampa italiana si sono costituiti parte civile. A piazzale Clodio anche la sit-in di Articolo 21 e Rete No bavaglio

Sono stati rinviati a giudizio Roberto Spada e Ruben Nelson Alvez del Puerto, accusati dell'aggressione ai giornalisti Daniele Piervincenzi e Edoardo Anselmi avvenuta a Ostia lo scorso 7 novembre. I due rispondono di violenza privata e lesioni aggravate dal metodo mafioso. La prima udienza del processo è fissata il 30 marzo presso la nona sezione collegiale del tribunale di Roma.

In mattinata si è tenuto anche il sit in promosso in piazzale Clodio da Articolo 21 e Rete No bavaglio. La testata data da Spada a Piervincenzi, dice il presidente dell'Fnsi Giuseppe Giulietti "è stata data sulla faccia di tutti i cronisti. Soprattutto quelli che sono precari". 'Mai più soli' è lo slogan scelto dai promotori del sit in durante il quale è stato ricordato che, nel solo 2017, sono stati 423 in Italia i giornalisti vittime di violenze o intimidazioni. Alla manifestazione, oltre alla Fnsi, hanno aderito anche Odg e Usigrai.

Loading the player...

La Federazione nazionale della stampa e l'Ordine dei giornalisti si sono costituiti, insieme a Libera, l'Associazione Antonino Caponnetto e la Regione Lazio, parte civile al processo. "Questo conferma la gravità di una brutale aggressione mafiosa che, colpendo i giornalisti Piervincenzi ed Anselmi, offende il diritto all'informazione di ogni cittadino. Nessun cronista è più solo nel far fronte alle intimidazioni delle nuove e vecchie mafie", ha dichiarato Giulio Vasaturo, l'avvocato che le difende.

"Non ho nessun rancore nei confronti di Roberto Spada", ha sostenuto Piervincenzi. "La mia preoccupazione va al territorio, serve attenzione - prosegue il giornalista - Ostia non va abbandonata, ce lo chiedono i cittadini. L'ammissione delle parti civili è un segnale importante per la difesa della categoria e della libertà di stampa". 

I fatti al centro dell'indagine risalgono al 7 novembre, quando il giornalista Daniele Piervincenzi e il cameraman Edoardo Anselmi sono stati aggrediti mentre stavano realizzando un'intervista a Ostia sui rapporti tra il clan Spada e CasaPound. Spada ha sferrato una testata all'intervistatore fratturandogli il setto nasale e subito dopo ha inseguito i due giovani insieme al suo complice, colpendoli con un bastone, tanto da provocare un trauma cranico al cameraman. 

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Stadio Roma, nuove ammissioni dal manager di Parnasi: "Lanzalone? Era il Campidoglio"

Interrogato dai pm Luca Caporilli, il dirigente stretto collaboratore del costruttore finito in manette

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, il suo futuro è appeso a un filo: un iter lungo sei anni

La bufera giudiziaria che ha travolto il progetto da un miliardo mette a rischio la realizzazione dell'impianto