Giovedì 21 Gennaio 2016 - 13:30

Oscar, anche Will Smith nella lista pro-boicottaggio

Da quando sono state annunciate le candidature, che non contemplano alcun attore di colore, è partita la protesta sui social simboleggiata dall'hastag #OscarsSoWhite

Will Smith

Aumentano le celebrità di Hollywood che hanno deciso di boicottare la cerimonia degli Oscar. Oggi l'attore Will Smith ha annunciato che non sarà presente alla cerimonia, che si terrà il 28 febbraio, per protestare contro la mancanza di attori di colore tra le nomination dell'Academy di Hollywood. "Noi facciamo parte di questa comunità. Ma al momento, ci sentiamo a disagio di essere lì e dire 'va tutto bene'", ha dichiarato l'attore all'emittente televisiva Abc.
Da quando sono state annunciate le candidature, che per il secondo anno consecutivo non contemplano un attore di colore, i social network hanno lanciato l'hastag #OscarsSoWhite (Oscar troppo bianchi) e #OscarsStillSoWhite (Oscar ancora troppo bianchi).

Il regista Spike Lee ha annunciato che non avrebbe partecipato agli Oscar, e attori come Idris Elba, Lupita Nyong'o, George Clooney e Mark Ruffalo hanno sostenuto la protesta.
"Penso che la diversità sia la 'superpotenza' dell'America", ha dichiarato Smith, candidato quest'anno al Golden Globe come miglior attore drammatico per 'La verità fa male'. "Penso che dobbiamo proteggere e combattere per gli ideali che fanno grande Hollywood e il nostro Paese", ha aggiunto spiegando che le nomination agli Oscar di quest'anno non "riflettono quella grandezza". "Hollywood sta andando nella direzione sbagliata", ha concluso.
Sua moglie, l'attrice Jada Pinkett Smith, è stata tra le prime voci contro la mancanza di candidati di colore agli Oscar, sottolineando la responsabilità all'interno della comunità nera.
 

 Lo scorso fine settimana, il presidente dell'Academy di Hollywood, Cheryl Boone Isaacs, ha reagito alle proteste con la promessa di "grandi cambiamenti". "Vorrei però riconoscere l'eccellente lavoro dei candidati di quest'anno", ha dichiarato Isaacs, uomo di colore, in un comunicato inviato ai media. "Mentre celebriamo altissimi meriti, mi sento addolorato e frustrato dalla mancanza di inclusione. Si tratta di un difficile ma importante argomento di conversazione, ed è tempo di grandi cambiamenti", ha aggiunto annunciando "misure drastiche" per modificare la composizione dei suoi membri.

Secondo i dati del Los Angeles Times, il 93 percento dei membri dell'Academy sono bianchi, il 76 percento sono uomini e l'età media è di 63 anni.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: John Lasseter Chief Creative Officer of Walt Disney and Pixar Animation Studios during the North American International Auto Show in Detroit

Molestie, il capo della Pixar John Lasseter lascia per sei mesi: "Chiedo scusa"

Due collaboratori a "Toy Story 4" avrebbero lasciato il progetto dopo una serie di avances non gradite

Miss Mondo 2017 è l'indiana Manushi Chhillar, studentessa di medicina

Il suo sogno è quello di aprire una catena di ospedali per le aree più povere del suo paese

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'