Martedì 03 Maggio 2016 - 16:30

Orlando: Oggi primo grado dei processi civili in un anno

Il dato fornito dal guardasigilli, calcola il tempo medio complessivo di tutti gli affari di tribunale

Orlando: Oggi primo grado dei processi civili in un anno

 "Era uno dei nostri obiettivi e possiamo dire di averlo raggiunto: oggi la durata media del primo grado del processo civile è di 367 giorni". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando nel corso di una conferenza stampa, durante la quale ha fornito i dati più recenti sulla giustizia civile italiana. "Il dato - ha spiegato il ministro - emerge dallo studio sui tempi medi e l'arretrato effettuato dagli uffici del ministero della Giustizia sul primo quadrimestre 2016 su un campione statisticamente rappresentativo di 40 tribunali italiani".  Il dato fornito dal guardasigilli, calcola il tempo medio complessivo di tutti gli affari di tribunale, e negli ultimi tre anni ha registrato un calo costante dei tempi nelle varie fasi del giudizio civile. Lo scorso anno il tempo medio di un processo civile era 427 giorni, nel 2014 era di 487, mentre per chiudere un processo nel 2013 ci è voluta una media di 547 giorni.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta 2018

Seggi aperti in Valle d'Aosta: al voto per eleggere il Consiglio regionale

In 103mila alle urne per scegliere i consiglieri, che dovranno poi indicare il presidente

Governo, partita del premier al rush finale. Identikit del leader porta a Spadafora

Restano in gioco anche Conte, Roventini, Fraccaro e Bonafede. E Di Maio? Il pentastellato non è ancora uscito di scena, ma si dice pronto al passo indietro

Luigi Di Maio ad Ivrea al gazebo del Movimento 5 stelle

Tav, Di Maio: "Diremo alla Francia che non serve più"

Ma per molti la questione è un po' più complicata