Venerdì 28 Ottobre 2016 - 12:30

Orban: Su migranti Italia in difficoltà, Renzi nervoso

Scintille tra i governi. Il premier risponde: "Ungheria accolga profughi o metteremo veto su bilancio"

Orban: Su migranti Italia in difficoltà, Renzi nervoso

Sono ancora scintille tra Ungheria e Italia sul tema dell'accoglienza dei migranti. Nel corso di un'intervista alla radio MR1, Viktor Orban, capo del governo di Budapest, ha attaccato Matteo Renzi sostenendo che abbia un comportamento 'nervoso' e che l'Italia abbia la crisi migratoria in cima alle difficoltà da affrontare. Secondo Orban, inoltre, l'Italia non rispetterebbe i requisiti legati all'area Schengen, mentre l'Unione europea non fornisce la necessaria assistenza.

Pronta la risposta di Renzi. "Il presidente Orban, che ho imparato a conoscere, ha una visione dell'Italia non puntuale. Non è vero che il deficit aumenta, sta diminuendo, e non è vero che l'Italia è in una situazione di difficoltà e di nervosismo", ha detto il presidente del Consiglio intervistato da Radio Radicale. E poi, un affondo: "Io ho detto una cosa che non ha fatto felice Orban: o l'Ue prende atto dei provvedimenti che l'Ue stessa ha firmato e quindi anche l'Ungheria inizia a farsi carico dei migranti o sai che c'è? Il presidente del Consiglio italiano comunica ufficialmente che metterà il veto sui qualsiasi bilancio che non contempli uguali oneri e onori". Poi, rivolgendosi direttamente ai membri dell'Unione europea, ha aggiunto: "L'Italia non è più il salvadanaio al quale si viene a chiedere soldi senza prevedere uguali diritti e doveri. Il tempo in cui l'Italia faceva il salvadanaio e basta è finito. Vale per Orban e per tutti gli altri colleghi Ue".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

"Gli altri politici quando hanno un problema lo nascondono"

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

"Il sistema basato su hotspot ha consentito progressi"

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Mai più fascismo e mai più guerre

25 aprile, Mattarella: Ricordiamo senza odio e senza rancore /FOTO

A Roma il ricordo della Liberazione sfila in cortei divisi. A Milano tensioni tra antifascisti e militanti di destra

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Nel corso delle celebrazioni del 25 aprile nel teatro comunale di Carpi