Sabato 08 Ottobre 2016 - 18:15

Operazione antiterrorismo in Germania: siriano in fuga

L'uomo sarebbe Jaber Albakr, nato il 10 gennaio 1994 nei pressi di Damasco

Operazione antiterrorismo in Germania: 3 fermati, siriano in fuga

La polizia tedesca a Chemnitz, in Sassonia, sta dando la caccia a un uomo nato in Siria, sospettato di aver pianificato un attentato dinamitardo e nel cui appartamento durante un blitz sono stati trovati esplosivi. Secondo fonti citate dai media, il suo obiettivo sarebbe stato un aeroporto della Germania e per fonti di sicurezza anonime, riprese da Dpa, ci sarebbe un legame con il gruppo terroristico dello Stato islamico.

La polizia ha diffuso un identikit dell'uomo, chiedendo "collaborazione nella ricerca di una persona che si sospetta preparasse un attentato esplosivo". Lo ha identificato come Jaber Albakr, nato il 10 gennaio 1994 nei pressi di Damasco. L'uomo indosserebbe una felpa scura con cappuccio, che indossava l'ultima volta che è stato visto, e sarebbe "pericoloso" secondo le autorità. "La caccia al sospettato è in corso. Al momento non sappiamo dove sia e che cosa porti con sé. State attenti", ha scritto la polizia della Sassonia sul suo profilo Twitter.
 

Nel raid di questa mattina, la polizia ha fatto irruzione nell'appartamento dell'uomo, nel quartiere di Fritz-Heckert. Non lo ha trovato, ma dopo aver inizialmente rilevato tracce di esplosivo ha poi rinvenuto "centinaia di grammi di esplosivo". Per questo le autorità hanno poi fatto evacuare zone ulteriori a quelle già fatte abbandonare dai residenti. Una vasta zona ore fa era stata isolata e agli abitanti era stato chiesto di rimanere in casa.

Tre persone sono in seguito state fermate nel pomeriggio, due vicino alla stazione centrale, che è stata parzialmente chiusa, e una nel centro città. Le autorità hanno precisato che si tratta di "contatti o stretti conoscenti" del 22enne. "Gli interrogatori proseguono, dobbiamo aspettarne gli esiti", ha detto il portavoce della polizia, Tom Bernhardt. Nel luglio scorso, lo Stato islamico ha rivendicato la responsabilità di attacchi a un treno vicino a Wuerzburg e a un festival musicale ad Ansbach.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"

FILE PHOTO: National Constituent Assembly's President Delcy Rodriguez speaks during a session of the assembly at Palacio Federal Legislativo in Caracas

Venezuela, parlamento rifiuta 'scioglimento' da Costituente

L'assemblea eletta lo scorso 30 luglio ha approvato oggi un decreto con cui assume il potere di votare le leggi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie