Mercoledì 15 Giugno 2016 - 11:15

Milano, operai occupano uffici Marcegaglia

"Bloccheremo gli ingressi ad oltranza. Abbiamo taniche di liquido verde"

Operai occupano Marcegaglia

Alcuni operai alle 7 di questa mattina hanno occupato via Giovanni della Casa 12 a Milano, indirizzo degli uffici della Marcegaglia buildtech. Si tratta dei lavoratori Marcegaglia dello stabilimento di Sesto San Giovanni, nell'hinterland. "Qui devono venire a prenderci con i lagunari. Bloccheremo gli ingressi ad oltranza. Non usciamo più! Ci siamo portati le taniche con dentro del liquido verde. L'azienda ci ha inviato le lettere di trasferimento con 4 mesi di anticipo rispetto ai piani iniziali", dice Massimiliano Murgo, delegato Fiom in Marcegaglia. Lo scorso 31 maggio sette lavoratori si erano incatenati al cancello d'ingresso per protestare contro il trasferimento, e da quel giorno hanno cominciato una mobilitazione quotidiana, tra cui ieri pomeriggio un presidio in prefettura.

"Siamo al secondo anno di cassaintegrazione e vorrebbero spostarci nella sede di Pozzolo Formigaro, vicino a Tortona, e pretendono che sia fatto con mezzi nostri. Fare avanti e indietro ogni giorno è impossibile per chi ha famiglia e per avere una vita dignitosa - spiega Murgo -  L'accordo iniziale invece era di dislocarci in stabilimenti più vicini, ad esempio Lainate e Corsico nel milanese, Boltiere in provincia di Bergamo o Lomagna a Lecco". Raccontano i lavoratori in presidio, che si sono battezzati con il nome di 'Autoconvocati Marcegaglia', di aver "subito minacce su facebook da un picchiatore che già due anni fa ha messo le mani addosso a un operaio di 60 anni mentre scioperava".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'Udienza generale del mercoledì di Papa Francesco

La preghiera del Papa: "Riconciliazione in Terra santa e tutto il Medioriente"

Appello anche per il Venezuela: "Si trovi la strada della pace e dell'unità"

Matteo Salvini in via a Sant’Albino a Monza, da Sergio Bramini

Bramini non si arrende: "Politica ascolti la rabbia, sarò consulente del governo"

L'imprenditore monzese ha dovuto dichiarare fallimento nonostante un credito nei confronti della pubblica amministrazione di diversi milioni di euro. Ma adesso è pronto a lottare e ripartire