Martedì 07 Marzo 2017 - 09:30

Onu: Ci preoccupa il nuovo 'travel ban' di Trump

L'allarme arriva in una nota del'Alto commissario per i rifugiati Filippo Grandi

Onu: Ci preoccupa il nuovo 'travel ban' di Trump

"Siamo preoccupati che questa decisione, anche se temporanea, possa aggravare l'angoscia di coloro che colpisce". Così in una nota l'Alto commissario Onu per i rifugiati Filippo Grandi, commentando il nuovo 'travel ban', il decreto del presidente americano Donald Trump, che ristabilisce la sospensione del programma di reinsediamento dei rifugiati negli Usa e istituisce un divieto d'ingresso temporaneo a coloro che provengono da sei paesi a maggioranza musulmana.

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati sottolinea che i rifugiati sono "persone comuni costrette a fuggire dalla guerra, la violenza e la persecuzione nei loro paesi d'origine e che restano in urgente bisogno di assistenza". L'Alto commissario Grandi ha quindi aggiunto che "l'Unhcr è da tempo un partner per gli Stati Uniti nella ricerca di soluzioni ai problemi dei rifugiati, e non vediamo l'ora di continuare questa collaborazione" e che "gli americani hanno a lungo giocato un ruolo cruciale nel promuovere la stabilità globale, esemplificando i più alti ideali umanitari, dal sostegno per le emergenze di rifugiati all'estero, all'accoglienza di alcune delle famiglie di rifugiati più vulnerabili negli Stati Uniti per ricostruire le loro vite in materia di sicurezza, libertà e dignità".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Militanti ceceni prendono in ostaggio oltre 1000 tra donne e bambini in una scuola a Ossezia, Russia

Russia, accoltella otto passanti: Isis rivendica l'attentato

L'assalitore è un giovane del posto le autorità russe avevano scartato la pista del terrorismo

Germania, arrestati due adolescenti per attacco a Wuppertal

La polizia cerca altri due uomini di 23 e 29 anni legati ai fatti

Attentato Barcellona, continua l'omaggio floreale per le vittime

Barcellona: "La cellula voleva colpire la Sagrada Familia"

Si tratterebbe di Younes Abouyaaqoub, cittadino marocchino di 22 anni. Identificata la terza vittima italoargentina, Carmen Lopardo