Lunedì 06 Febbraio 2017 - 12:15

Omicidio Varani, pm chiede 30 anni di carcere per Manuel Foffo

Il ragazzo è andato a processo con il rito abbreviato

Roma, funerali di Luca Varani: folla per l'addio al 23enne

Trent'anni di reclusione: è la richiesta arrivata dal pm Francesco Scavo, nel processo con rito abbreviato a carico Manuel Foffo, reo confesso dell'omicidio di Luca Varani. Marco Prato, l'altra persona imputata per l'assassinio, sarà giudicato con rito ordinario. 

Le strade dei due ex amici, accusati di aver seviziato e ucciso Varani, dopo averne straziato il corpo con martello e coltelli da cucina, si sono divise il giorno dopo il festino, del 4 marzo scorso nell'appartamento di Via Igino Giordani, terminato nella follia omicida. I due trentenni sono entrambi accusati di omicidio volontario premeditato e aggravato da crudeltà e futili motivi. L'avvocato Michele Andreano, difensore di Foffo, nel chiedere il rito alternativo, davanti al gup Nicola Di Grazia, ha depositato una perizia medica, contenente analisi tossicologiche e psichiatriche, secondo la quale la capacità di intendere e di volere del suo assistito al momento dei fatti era grandemente scemata a causa dell'uso cronicizzato di alcol e droga. Al processo sono parti civili i genitori di Luca e la sua fidanzata.

Le verifiche effettuate dagli inquirenti in questi mesi, hanno confermato il ruolo dei due presunti assassini nella morte del giovane, ucciso a coltellate e colpi di martello. Tracce biologiche di entrambi sono presenti sulle armi, almeno tre, usate per uccidere Varani e questo farebbe cadere la tesi dei difensori di Prato secondo i quali il pr romano non avrebbe partecipato attivamente all'omicidio. La vittima è stata colpita un centinaio di volte con martello e coltelli: prima un colpo alla testa, con il quale il giovane dopo esser stato drogato, è stato stordito. Secondo il referto dell'autopsia gli assassini si sono prima accaniti con le martellate su testa e bocca del giovane.

Poi hanno tentato di strangolarlo con una corda di nylon e subito dopo, con almeno due coltelli da cucina, gli hanno massacrato la gola aprendola completamente senza però tagli letali. Il corpo di Luca presentava almeno trenta ferite, meno profonde, su petto e testa che gli sono state inferte forse solo per vederlo soffrire. La vittima è morta dissanguata, e solo allora, dopo quasi due ore di sevizie, gli assassini hanno smesso di infierire sul suo corpo. Secondo quanto raccontato da Foffo, che confessò l'omicidio il giorno dopo averlo commesso, dopo la morte del ragazzo i due amici dormirono a fianco del cadavere per circa sei ore. Poi, nel pomeriggio del 4 marzo, lasciarono la casa per liberarsi degli abiti sporchi di sangue e del telefono cellulare della vittima.

Quella notte Prato si  fece accompagnare dall'amico in un albergo di piazza Bologna, dove sabato, a quanto raccontò, avrebbe tentato il suicidio con un mix di alcol e barbiturici. Foffo invece passò la notte nell'appartamento del massacro, dormendo su un divano, a pochi metri dal cadavere. La mattina del 5 marzo, Foffo raccontò al padre quanto accaduto e decise di costituirsi. Fu lui a portare i carabinieri nella casa dove il corpo della vittima giaceva da un giorno e mezzo. Quando gli inquirenti gli chiesero perché avesse ucciso il giovane, lui rispose solo: "Volevamo fare male...a qualcuno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Scontrino omofobo, minacce di morte e insulti ai ristoratori

Bufera sulla Locanda Rigatoni di Roma. Gay Center: "No a intimidazioni, ma sanzioni sono necessarie"

Roma, coppia gay denuncia: "Scontrino omofobo al ristorante". Licenziato il cameriere

A fine cena, il conto riportava la scritta 'No Pecorino, Si Frocio'. La giustificazione del locale: "È un errore del pc". Marrazzo (Gay Center): "Revocare la licenza". Il Campidoglio condanna il "gravissimo episodio"

Milano, aggressione fra condomini del palazzo di Piazza Insubria 3

Roma, trovato corpo su via Braccianense: è giovane scomparso

Il corpo è stato trovato in un dirupo poco distante da una motocicletta in tutto simile a quella usata dal giovane

Roma, Metro C: rischio processo per 25 persone, c'è anche Alemanno

Chiusa l'inchiesta. Tra gli indagati, anche l'ex sindaco della capitale. I pm contestano episodi di corruzione nel periodo tra 2010 e 2015