Martedì 29 Novembre 2016 - 13:00

Omicidio Caccia, Schirripa scarcerato e riarrestato

Per un errore procedurale sarebbe dovuto essere rilasciato

Omicidio procuratore Caccia, Schirripa scarcerato e subito riarrestato

Rocco Schirripa, il panettiere accusato di essere l'esecutore materiale dell'omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, freddato a colpi di pistola nel 1983, è stato scarcerato con un 'ordinanza della Corte d'Assise di Milano per un errore procedurale ma è stato subito sottoposto a un fermo disposto dal pm Marcello Tatangelo, titolare delle indagini. "Schirripa, che si trovava nel carcere di Opera, alle porte di Milano, di fatto non è nemmeno uscito dal carcere", ha spiegato l'avvocato Basilio Foti che lo difende con il collega Mauro Anetrini. La Procura di Milano tenta di rimediare all'errore procedurale che nell'udienza di domani, davanti alla Corte d'Assise di Milano, azzererà il processo a Rocco Schirripa, il panettiere di 63 anni ritenuto l'esecutore materiale dell'omicidio di Caccia. Il procuratore aggiunto Ilda Boccassini e il pm Marcello Tatangelo, infatti, hanno chiesto alla sezione gip del Tribunale di Milano di riaprire l'indagine a carico di Schirripa, che era stata archiviata nel 2001. Fascicolo del quale Boccassini e Tatangelo, titolari della nuova indagine avviata nel 2015 a carico di Schirripa, per una "svista" non avevano tenuto conto, iscrivendo ex  novo il panettiere nel registro degli indagati. 

Un errore procedurale non sanabile, che rende di fatto nulle tutte le prove raccolte dopo il 26 novembre dello scorso anno, momento in cui Schirripa è stato formalmente indagato. La Procura però conta di proseguire le indagini grazie alle prove e alle intercettazioni, effettuate grazie a intrusioni informatiche negli smatphone e nei tablet della cerchia del boss Domenico Belfiore, già condannato in via definitiva come mandante del delitto Caccia e scarcerato per ragioni di salute. Nel frattempo, però, appena la Corte d'Assise ha accolto la richiesta di scarcerazione, avanzata sabato scorso dal pm Tatangelo, e ha rimesso in libertà l'imputato, è stato eseguito contemporaneamente un fermo d'urgenza per trattenerlo in carcere.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Coltre di nebbia e smog sulla città fotografata dalle Guglie del Duomo

Smog, livelli Pmi ancora alti. Milano: "Zero emissioni entro 2030"

Sala e i sindaci di altre 11 metropoli mondiali stanno studiando un piano contro l'inquinamento

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Incidente mortale a Riccione: passante fa diretta Fb ma non chiama i soccorsi

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online il decesso di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali