Lunedì 07 Novembre 2016 - 20:45

Omicidio Pasolini, legale famiglia: Ucciso per le sue scoperte

L'avvocato Stefano Maccioni: "Importante riaprire il caso"

Pier Paolo Pasolini

Tornano all'esame della Procura della Repubblica di Roma le circostanze dell'uccisione di Pier Paolo Pasolini per la quale fu condannato Pino Pelosi che all'epoca del fatto aveva 17 anni. A sollecitare nuovi accertamenti è stato l'avvocato Stefano Maccioni legale di Guido Mazzoni, cugino di Pasolini. L'avvocato Maccioni è intervenuto a "La Storia Oscura", trasmissione di Radio Cusano Campus, emittente dell'Università Niccolò Cusano. "Pasolini - afferma Maccioni - è stato ucciso per quello che aveva scoperto, per quello che diceva e scriveva sui principali giornali italiani. Era arrivato a dei documenti evidentemente troppo importanti. E poi rimane il giallo del furto delle pellicole del film 'Salò e le 120 giornate di Sodoma': un film a cui Paolini teneva moltissimo. Non a caso dall'ultima inchiesta (quella di 5 anni dal 2010 al 2015 poi archiviata, ndr) emerge che molto probabilmente Pasolini fu attirato in una trappola proprio con la scusa di restituirgli quelle pellicole, perché sicuramente non si va all'idroscalo di Ostia per consumare un rapporto sessuale partendo dalla Stazione Termini. Pelosi fece da esca".

"Non dimentichiamo infatti - aggiunge il legale - che Pelosi conosceva Pasolini da tempo, non lo conobbe certo la sera dell'omicidio. Purtroppo però - prosegue l'avvocato Maccioni - tutti questi dettagli nel primo processo non vennero fuori, tutti si adagiarono su una verità precostituita facendo passare il delitto Pasolini come un delitto a sfondo sessuale. Quindi, risaliamo agli esecutori materiali dell'omicidio, poi arriveremo a scoprire anche il movente e il mandante o i mandanti del delitto Pasolini".

Per il legale è "importante riaprire il caso grazie a una traccia verosimilmente ematica trovata sulla maglia intima di lana a maniche lunghe di Pino Pelosi. Quella traccia attesta in maniera inconfutabile che almeno una terza persona oltre a Pelosi e Pasolini era presente all'idroscalo di Ostia nella notte in cui il poeta fu ucciso. Occorre indagare sulla malavita dell'epoca e su quelli che erano i componenti della neonascente Banda della Magliana cioè quelli che erano gli eredi della Banda dei Marsigliesi. Ricordiamo che l'autista dei Marsigliesi Antonio Pinna fu in qualche modo coinvolto nel delitto Pasolini prima di sparire misteriosamente pochi mesi dopo l'uccisione del poeta. D'altronde, le testimonianze dell'epoca e quelle successive, portano tutte allo stesso punto: quella notte all'idroscalo di Ostia quando Pasolini veniva ucciso c'erano più persone. E questo in qualche modo inizialmente lo dissero anche i giudici".

"Ma le dichiarazioni a distanza di 40 anni non sono sufficienti a sostenere l'accusa in giudizio. A oggi - ha concluso il legale della famiglia Pasolini- serve una prova inconfutabile e noi quella prova inconfutabile per fortuna ce la possiamo avere e sono quelle tracce biologiche che ritrovate dai Ris in seguito agli esami effettuati nel 2010; in particolare quella traccia ematica con la quale, grazie alle moderne tecnologie, è possibile arrivare a scoprire chi altro c'era quella notte all'idroscalo oltre a Pelosi e Pasolini".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lazio-Roma

Arrestato tifoso laziale con mazze e bastoni: altri 4 denunciati

Il derby della Capitale si disputerà oggi alle 15

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Senza sosta il lavoro degli investigatori che indagano sulle morti sospette all'ospedale del comune lombardo

Meningite

Milano, entro Natale vaccinati per meningite 140 studenti Statale

Sono venuti a contatto con le due studentesse morte

Montagna

Torino, due escursionisti muoiono in Val Susa

Difficili le operazioni di recupero