Venerdì 15 Gennaio 2016 - 10:00

Omicidio Macchi: arrestato dopo 30 anni compagno di liceo

Secondo gli investigatori sarebbe stato lui ad uccidere con 29 coltellate la 19enne

Arrestato il presunto killer dopo quasi 30 anni

A distanza di 30 anni dall'omicidio di Lidia Macchi, studentessa uccisa nel gennaio del 1987 in un boschetto vicino all'ospedale di Cittiglio, vicino a Varese, è stato arrestato il suo presunto killer. Si tratta di un ex compagno di liceo della vittima, Stefano Binda, 47 anni, di Brebbia in provincia di Varese. Secondo gli investigatori sarebbe stato lui ad uccidere con 29 coltellate la 19enne.

 

La polizia lo ha arrestato questa mattina nella sua casa. Secondo gli investigatori, sarebbe stato lui a spedire alla famiglia della ragazza una lettera anonima nei giorni successivi al delitto, missiva nella quale si alludeva alla vita privata della 19enne vicina a Comunione e LiberazioneLe indagini sono state riaperte dal sostituto pg di Milano Carmen Manfredda nel 2013 e nei giorno scorsi ci sono stati importanti sviluppi, che hanno portato all'arresto di questa mattina.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ischia, corteo anti-G7

G7 Interno, al via vertice a Punta Molino: Ischia blindata

Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d'America parlano della minaccia terroristica attraverso l'utilizzo di Internet

Salvini in piazza a Firenze

Firenze, cade pietra basilica Santa Croce: muore turista spagnolo

La vittima, un uomo di 52 anni, era in vacanza con la moglie che ha assistito all'incidente

Un profeta come si deve

Luz contro la violenza sulle donne con il corto 'Un profeta come si deve'

Un dialogo fra Dio e San Pietro sulla situazione del mondo femminile

Brescia, Polizia Stradale e alcol test

Trasporti, oltre 20mila italiani senza punti sulla patente

Secondo l'analisi di Facile.it. A Napoli il maggior numero di automobilisti a 0 punti davanti a Milano e Roma