Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 17:45

Omicidio Loris, sorella di Veronica: Suo complice non è suocero

Secondo la zia del piccolo ci sarebbe in ballo una terza persona di cui non si sa ancora nulla

Omicidio Loris, sorella di Veronica: Il suo complice non è il suocero

"Veronica ha ucciso Loris, ma certamente non lo ha fatto da sola". Queste le accuse, a Pomeriggio 5, di Antonella Panarello, sorella di Veronica, madre del piccolo Loris Stival, ucciso il 29 novembre 2014 a Santa Croce di Camerina, nel Ragusano, e abbandonato in un canale. "Sono andata a trovarla solamente una volta in carcere: non ci sono più tornata perché con me si è comportata troppo male, dicendo fosse colpa mia se si trovava in carcere. Per una relazione non si uccide un figlio, ma non credo ci sia stata una storia con il suocero Andrea Stival. C'è una terza persona di cui non si sa ancora nulla", spiega Antonella in merito alla possibile storia tra Veronica e il suocero Andrea Stival, considerata il movente dell'uccisione del piccolo Loris. E proprio il suocero a Pomeriggio 5 si difende: "La storia su una nostra relazione è inventata. Lo ha fatto per colpire la nostra famiglia, come ha fatto da sempre. Loris aveva una vita davanti che gli è stata portata via. Aveva diritto di crescere: nessuna pena per Veronica sarà mai abbastanza".

LEGGI ANCHE 'Omicidio Loris, procura chiede 30 anni per la madre Veronica'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cosenza, caporalato a danno di rifugiati: pagati in base a colore pelle

Gli ospiti del centro accoglienza portati a lavorare nei campi per 10 euro in meno rispetto ai "colleghi" bianchi

Papa Francesco celebra la Santa Messa di Pasqua - Urbi et Orbi in Piazza San Pietro

Vaticano, gendarmeria allontana clochard per "decoro pubblico"

Fatti spostare dai bivacchi. Ma potranno ancora dormire nel colonnato del Bernini

Nicolina si poteva salvare. La madre aveva denunciato l'omicida

La tragedia di Ischitella. La donna aveva presentato diversi esposti, ma nulla era successo. Il ministro Orlando annuncia verifiche