Lunedì 17 Ottobre 2016 - 19:00

Omicidio Loris, madre del bimbo condannata a 30 anni di carcere

Il piccolo, di 8 anni, è stato trovato morto a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, il 29 novembre del 2014

Omicidio Loris, la madre Veronica Panarello condannata a 30 anni di carcere

Trent'anni di carcere. Il tribunale di Ragusa ha condannato Veronica Panarello, la madre di Loris Stival, per l'omicidio del piccolo, come richiesto dall'accusa. Il bambino di otto anni è stato trovato morto a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, il 29 novembre del 2014. La donna ccusava il suocero di aver ucciso il bambino per coprire una presunta relazione amorosa tra i due. "E' stata disposta la tasmissione degli atti alla Procura per il reato di calunnia nei confronti del mio assistito. Abbiamo messo un punto a questa brutta vicenda", il commento dell'avvocato del nonno di Loris, Andrea Stival. Veronica Panarello è stata accusata di omicidio premeditato e occultamento di cadavere. Il marito di Veronica e padre di Loris, Davide, aveva chiesto il risarcimento di 2 milioni di euro per lui e di altri 2 milioni per la nonna del bambino, Pinuccia Aprile. Anche il nonno di Loris, Andrea, aveva domandato un risarcimento di 400mila euro a Veronica per calunnia. 

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

La sindaca Appendino indagata per i fatti di piazza San Carlo

Torino, Appendino indagata: Comune smentisce

La prima cittadina sarebbe iscritta sul registro degli indagati per i fatti di piazza San Carlo come 'atto d’ufficio'

Italia in crisi per l'emergenza migranti: si valuta chiusura dei porti alle navi straniere

Italia in crisi per l'emergenza migranti: si valuta chiusura dei porti alle navi straniere

Gentiloni e Pinotti: "Chiediamo all'Europa che la smetta di girare la faccia dall'altra parte, tutto questo non è più sostenibile"

Attacco hacker, nucleo cyber assicura: No minacce a sicurezza nazionale

Attacco hacker, nucleo cyber assicura: No minacce a sicurezza nazionale

Allerta massima in tutto il mondo dopo l'ultima 'epidemia' informatica