Mercoledì 04 Maggio 2016 - 17:30

Omicidio Fortuna, papà: Caputo? Se lo avessi davanti lo ucciderei

Così a 'Pomeriggio 5' Pietro padre della bambina di 6 anni violentata e uccisa il 24 giugno 2014 a Caivano

Omicidio Fortuna, papà: Caputo? Se lo avessi davanti lo ucciderei

 "Quello che è successo a Fortuna è terribile. Il problema è che ci sono ancora lati oscuri, ci sono persone che hanno nascosto la scarpetta di Chicca, persone che hanno buttato una prova. A che scopo? Qua c'è qualcosa che non va". Così a 'Pomeriggio 5' Pietro, il papà di Fortuna, la piccola di 6 anni violentata e uccisa il 24 giugno 2014 a Caivano (Napoli).

 "Se mi trovassi davanti l'orco che ha fatto del male a mia figlia, è normale che lo ucciderei. Come farebbero tutti. Ma ci sono troppe persone coinvolte in questa storia ed è ora che parlino, che dicano la verità. Anche Caputo deve confessare. E tutti quelli che sono coinvolti devono andare in carcere. Io a Caputo darei 10 anni di isolamento", aggiunge Pietro.

A proposito di eventuali sospetti sugli abusi subiti da Fortuna, Pietro afferma: "Io purtroppo non ho neanche avuto il tempo di vederla perché ero in carcere, non potevo sapere cosa le stava succedendo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Arresto latitante evaso da Rebibbia

Evaso a rischio radicalizzazione catturato: fuga in treno, tappa a Bologna

Fuggito da Milano, ha attraversato lo Stivale in preno. Preso a Palermo

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

Neonato abbandonato in centro a Brescia

Napoli, sparatoria a Bagnoli: grave pregiudicato 28enne

Il 28enne Sergio Paudicio ferito a colpi di pistola. L'amico in ospedale ha raccontato di averlo trovato in via Roma a Portici ma gli agenti non hanno trovato tracce di sangue

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene