Martedì 22 Novembre 2016 - 18:00

Caso Fortuna, nonna Rosaria: Mi fido solo degli inquirenti

 Per la morte della piccola sono in carcere i vicini di casa Raimondo Caputo e Marianna Fabozzi

Omicidio Fortuna, la nonna Rosaria: Mi fido solo degli inquirenti

 "Per me i veri colpevoli sono ancora fuori. Sono Claudio Luongo e sua madre". A parlare, a Pomeriggio 5 su canale 5, è Pietro Loffredo, il papà della piccola Fortuna, uccisa nel 'palazzo degli orrori' di Caivano (Napoli), per l'omicidio della quale sono in carcere i vicini di casa Raimondo Caputo e Marianna Fabozzi. "Ormai Pietro è convinto di ciò che dice, io non è che voglia difendere Claudio, mio ex compagno, ma al momento in carcere c'è Raimondo Caputo e voglio che venga fuori tutta la verità", la posizione della mamma di Fortuna, Domenica Guardato. Anche Rosaria, la nonna della piccola, è intervenuta per dire la sua: "Io non credo a nessuno, mi fido solo degli inquirenti e della magistratura, perché per ora stanno facendo le cose benissimo. A noi non interessano le versioni personali di tutti quelli che parlano. Per me Raimondo e Marianna sono entrambi colpevoli e devono pagare".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello

"Fate troppo chiasso": sacerdote picchia bimbi durante l'ora di catechismo

E' accaduto in una parrocchia di Dragona (Roma Sud). Il religioso è stato denunciato

Nave Aquarius soccore barcone di migranti al largo della costa libica

Migranti, ancora emergenza nel Mediterraneo, muore bimbo di tre mesi

La ong Proactiva Open Arms: "Desolazione, rabbia, impotenza". Soccorse 256 persone