Venerdì 20 Maggio 2016 - 18:15

Omicidio Fortuna, padre: Ricordo nostro ultimo abbraccio

'Pomeriggio 5' torna sul caso della piccola molestata sessualmente e uccisa nel parco Verde di Caivano

Omicidio Fortuna, il padre: Ricordo il nostro ultimo abbraccio

'Pomeriggio 5' torna sul caso della piccola Fortuna Loffredo, molestata sessualmente e uccisa nel parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli. In studio da Barbara d'Urso, mentre scorrono alcuni disegni mai visti della bimba, è ospite il papà della piccola, Pietro: "Non si sa ancora la verità, nulla è ancora chiara" ha detto l'uomo in studio rievocando il rapporto con la bimba. "All'epoca - ha aggiunto - ero ancora in carcere, ma la sentivo al telefono tramite l'assistente sociale, di lei ricordo un forte abbraccio durante un permesso, fu fortissimo, pensavo che lei avesse capito che ero suo padre, era come mi volesse dire qualcosa".

Incontri molto brevi: "Ogni permesso la vedevo un'oretta, ogni volta andavo a trovarla e poi è successo...". Poi sottolinea: "Raimondo (Caputo ndr) ha fatto tante cose cattive, ma su questo caso non so, probabilmente era già di sotto quando è morta. Se stava giù bisogna ricominciare tutto da capo, un omicidio orribile".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto