Martedì 03 Maggio 2016 - 17:45

Omicidio Fortuna, figlia Caputo: Mio padre non è un mostro

Raimondo Caputo è accusato di aver ucciso la piccola Fortuna Loffredo a Caivano

Omicidio Fortuna, figlia arrestato: Mio padre non è un mostro

"Io conosco mio padre e non può avere fatto quelle cose. Lui ha sempre fatto il padre, e Marianna (la compagna, ndr) è una donna sincera. Io andavo sempre a trovarli, erano felici". Lo ha detto in esclusiva a 'Pomeriggio 5' la figlia di Raimondo Caputo, accusato di essere l'orco che ha violentato e ucciso brutalmente la piccola Fortuna Loffredo gettandola dall'ultimo piano del palazzone dell'Iacp al Parco Verde di Caivano. "E lui sarebbe un mostro? Lui non è l'orco. Lui piange in carcere, non sa perché è dentro. Io lo avrei schifato se fosse stato lui che abusava dei bambini", ha aggiunto la giovane.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto