Martedì 03 Maggio 2016 - 17:45

Omicidio Fortuna, figlia Caputo: Mio padre non è un mostro

Raimondo Caputo è accusato di aver ucciso la piccola Fortuna Loffredo a Caivano

Omicidio Fortuna, figlia arrestato: Mio padre non è un mostro

"Io conosco mio padre e non può avere fatto quelle cose. Lui ha sempre fatto il padre, e Marianna (la compagna, ndr) è una donna sincera. Io andavo sempre a trovarli, erano felici". Lo ha detto in esclusiva a 'Pomeriggio 5' la figlia di Raimondo Caputo, accusato di essere l'orco che ha violentato e ucciso brutalmente la piccola Fortuna Loffredo gettandola dall'ultimo piano del palazzone dell'Iacp al Parco Verde di Caivano. "E lui sarebbe un mostro? Lui non è l'orco. Lui piange in carcere, non sa perché è dentro. Io lo avrei schifato se fosse stato lui che abusava dei bambini", ha aggiunto la giovane.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università