Martedì 27 Giugno 2017 - 16:15

Omicidio Esposito, pena ridotta a 16 anni per De Santis

Era stato condannato a 26 anni in primo grado per la morte del tifoso del Napoli

Omicidio Esposito, pena ridotta a 16 anni in appello per De Santis

Sedici anni di carcere. È la pena arrivata, nel processo davanti alla corte d'assise d'appello di Roma, per Daniele De Santis, l'ultrà giallorosso accusato di aver ferito e ucciso Ciro Esposito durante gli scontri che precedettero, il 3 maggio del 2014, la finale di Coppa Italia Napoli Fiorentina. De Santis era stato condannato a 26 anni in primo grado, nel maggio dello scorso anno. Il pg Vincenzo Saveriano, aveva chiesto per lui una condanna a venti anni di reclusione per omicidio volontario.

De Santis ha assistito in aula alla sentenza, adagiato su una barella con la quale viene portato in aula durante le udienze a causa delle ferite riportate negli scontri di tre anni fa. Confermate le assoluzioni come chiesto dal pg, per gli altri due imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi del Napoli. In primo grado i due erano stati condannati a 8 mesi di carcere per rissa e lesioni, perché ritenuti parte del gruppo che provocò gli scontri durante i quali Ciro venne ferito a morte.

Il procuratore generale, lo scorso 11 maggio, nella sua requisitoria finale, aveva ribadito nei confronti dell'uomo l'accusa di omicidio volontario chiedendo però di non riconoscere l'aggravante dei futili motivi e di assolverlo dall'accusa di rissa "perché il fatto non sussiste". Daniele De Santis sparò contro il giovane, il pomeriggio del 3 maggio del 2014. Il proiettile ferì Ciro a un polmone e arrivò alla colonna vertebrale. Le condizioni del trentenne apparvero subito disperate e il giovane, ricoverato al Policlinico Agostino Gemelli di Roma, morì dopo 53 giorni di agonia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bologna, prete choc su Facebook: "Ha ucciso più Riina o Emma Bonino?"

Don Pieri si scaglia contro l'esponente Radicale per il suo impegno politico e civile per la legge sull'aborto: "Moralmente non c'è differenza"

Terremoto Norcia, l'appello del piccolo Marco: salvate il mio pianoforte

Terremoto, scossa di 4.4 magnitudo in provincia di Parma. Paura ma nessun danno

La terra ha tremato alle 13.37, come fa sapere l'Ingv

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Napoli, sparatoria nel cuore della movida: rissa e colpi in strada, feriti 4 minorenni

In via Carlo Poerio, prima la rissa tra due comitive poi i proiettili che hanno raggiunto i giovanissimi

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "L'indifferenza verso i poveri è un grande peccato. Dio non è controllore di biglietti non timbrati"

Il Pontefice in occasione della giornata mondiale dei poveri: "Prendersi cura di loro è un dovere evangelico e l'indifferenza è un grande peccato"