Lunedì 08 Agosto 2016 - 20:45

Ok Cassazione a referendum. Renzi: Segnali davvero buoni

Fiducioso il premier: "Raccolti finora 88.100 euro"

Ok Cassazione a referendum. Renzi: Segnali davvero buoni

"I segnali di queste settimane sono davvero buoni.Il comitato del Sì - a differenza di chi dice NO - ha raggiunto le firme necessarie alla presentazione in Cassazione (ne servivano mezzo milione, ne abbiamo avute quasi 600mila, circa il triplo degli altri)".  E' fiducioso il premier Matteo Renzi, dopo il via libera ufficiale della Cassazione sulle firme raccolte dal Comitato per il Sì al referendum sulla riforma costituzionale. 

"I nostri comitati sono tantissimi, arrivano quasi a quota tremila.Abbiamo chiesto un aiuto a chi vuole darci una mano, anche a livello economico. Percorso trasparente, semplice e verificabile, alla luce del sole. Conclusione? A oggi abbiamo ricevuto più di 88.100 euro, quasi tutti con piccole donazioni, da 5-10-20 euro", prosegue il premier sulla sua newsletter. "E sul sito www.bastaunsi.it ci sono sempre più messaggi che provengono dai territori, di persone che spiegano perché - secondo loro, semplici cittadini senza incarichi politici - questa riforma è fondamentale per rendere l'Italia un paese più solido e più semplice", aggiunge.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Governo, Macron chiama Conte. Salvini: "In serata la nostra lista dei ministri al premier incaricato"

Polemiche su Paolo Savona all'Economia. Il leader del Carroccio: "Tempo da perdere non ne abbiamo"

Governo, resta nodo Savona. Conte vede Giansanti, in corsa per la carica di ministro degli Esteri

Salvini: "No a ministro che piace a Merkel". Casaleggio: "Mattarella e Conte troveranno soluzione". Renzi: "Spread colpa di Lega e M5s"

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"