Lunedì 08 Agosto 2016 - 20:45

Ok Cassazione a referendum. Renzi: Segnali davvero buoni

Fiducioso il premier: "Raccolti finora 88.100 euro"

Ok Cassazione a referendum. Renzi: Segnali davvero buoni

"I segnali di queste settimane sono davvero buoni.Il comitato del Sì - a differenza di chi dice NO - ha raggiunto le firme necessarie alla presentazione in Cassazione (ne servivano mezzo milione, ne abbiamo avute quasi 600mila, circa il triplo degli altri)".  E' fiducioso il premier Matteo Renzi, dopo il via libera ufficiale della Cassazione sulle firme raccolte dal Comitato per il Sì al referendum sulla riforma costituzionale. 

"I nostri comitati sono tantissimi, arrivano quasi a quota tremila.Abbiamo chiesto un aiuto a chi vuole darci una mano, anche a livello economico. Percorso trasparente, semplice e verificabile, alla luce del sole. Conclusione? A oggi abbiamo ricevuto più di 88.100 euro, quasi tutti con piccole donazioni, da 5-10-20 euro", prosegue il premier sulla sua newsletter. "E sul sito www.bastaunsi.it ci sono sempre più messaggi che provengono dai territori, di persone che spiegano perché - secondo loro, semplici cittadini senza incarichi politici - questa riforma è fondamentale per rendere l'Italia un paese più solido e più semplice", aggiunge.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"