Sabato 10 Dicembre 2016 - 13:15

Oggi la consegna dei Premi Nobel: Bob Dylan grande assente

Come già annunciato, il cantautore diserterà la cerimonia di Stoccolma

A Bob Dylan il premio Nobel per la letteratura 2016

Il giorno dei Nobel è arrivato. Come da tradizione, il 10 dicembre i premi istituiti da Alfred Nobel vengono consegnati in due diverse città: Oslo è la capitale del Nobel per la Pace, mentre a Stoccolma si tiene la cerimonia con tutti gli altri premiati. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos, Nobel 2016 per gli sforzi compiuti per l'accordo di pace fra governo e Farc, è già arrivato in Norvegia, proprio nel Paese in cui l'avvicinamento fra le parti era cominciato nel 2012, ed è pronto per la cerimonia che prenderà il via alle 13. A Stoccolma invece, dove l'evento comincerà alle 16.30, a far parlare di sé è soprattutto il grande assente Bob Dylan: insignito del Nobel per la Letteratura, non andrà a ritirarlo, ma Patti Smith ha scelto che per onorarlo canterà la sua 'A hard rain's a-Gonna Fall'. 

 

PERCHE' I NOBEL SI CONSEGNANO IN 2 CITTA' DIVERSE. La consegna dei Nobel si svolge sempre il 10 dicembre, perché questa è la data in cui Alfred Nobel morì, nel 1896 a Sanremo. Quello per la Pace è l'unico Nobel che si consegna a Oslo. Tutti gli altri cinque invece - cioè quelli per Letteratura, Medicina, Fisica, Chimica ed Economia - vengono ritirati a Stoccolma. A deciderlo fu proprio l'ideatore dei premi, Alfred Nobel (1883-1896), che lo lasciò scritto nel testamento, e d'altra parte alla sua epoca la Norvegia faceva parte del regno di Svezia.

 LA CERIMONIA DEL NOBEL PER LA PACE A OSLO. La consegna del Nobel per la Pace si svolgerà nel municipio di Oslo, appunto a partire dalle 13. Alla cerimonia, presieduta dalla famiglia reale di Norvegia, Manuel Santos sarà presente con una trentina di invitati. Fra loro sette vittime del conflitto armato in Colombia e la ex candidata alle presidenziali Ingrid Betancourt, sequestrata dalle Farc e tenuta in ostaggio per oltre sei anni. Ci saranno anche membri della squadra del governo che ha negoziato con le Farc, guidata dal capo Humberto de la Calle e dall'Alto commissario di pace Sergio Jaramillo. Non ci sarà invece nessun rappresentante della guerriglia, per problemi giuridici che non sono stati risolti in Colombia, ma Santos ha assicurato che "con il cuore e l'anima" saranno lì.

LA MEDAGLIA DI ORO AL 100% COLOMBIANO. Juan Manuel Santos, che è il secondo colombiano a vincere un Nobel dopo il premio per la Letteratura assegnato a Gabriel Garcia Marquez nel 1982, riceverà un diploma, una medaglia e 8 milioni di corone svedesi, che donerà alle vittime del conflitto. Una curiosità: la medaglia è stata realizzata con oro proveniente al 100% dalla Colombia, estratto da due cooperative minerarie con procedimenti in linea con le norme per il rispetto dell'ambiente.

L'ACCORDO DI PACE COLOMBIA-FARC. La consegna del riconoscimento sarà l'apice di un processo cominciato pubblicamente a ottobre del 2012, con l'apertura di un tavolo di dialogo tra governo colombiano e Farc proprio in Norvegia, a Hurdal, a nord di Oslo. Il processo di pace si è poi spostato all'Avana, dove i negoziati sono durati quasi quattro anni. Il Nobel è stato assegnato a Santos quattro giorni dopo la bocciatura dell'accordo nel referendum popolare del 2 ottobre. Ma il 24 novembre è stato firmato una nuova intesa governo-Farc, rivista.
 

IL PROGRAMMA A STOCCOLMA. La cerimonia per tutti gli altri Nobel, a Stoccolma, si terrà nella Sala dei concerti Konserthus a partire dalle 16.30. A consegnare le onorificenze sarà il re di Svezia, Carlo XVI Gustavo: per ognuno si tratta di una medaglia, un diploma e 8 milioni di corone svedesi, pari a 818mila euro. Oltre ai reali, Carlo Gustavo e Silvia, ci saranno la principessa ereditaria Vittoria e il marito Daniel. Subito dopo i reali, i premiati e parte degli invitati si sposteranno nel Salone azzurro del municipio di Stoccolma per il tradizionale banchetto, con cui si concluderà la giornata.

BOB DYLAN GRANDE ASSENTE: CANTA PATTI SMITH. Il grande assente di Stoccolma sarà Bob Dylan: lui stesso aveva comunicato all'Accademia di Svezia il 15 novembre che non si sarebbe recato a ritirare il premio, citando come motivazione degli impegni precedenti. Per ricevere gli 8 milioni di corone svedesi, però, è obbligatorio che Dylan pronunci un discorso di accettazione entro sei mesi a partire da oggi 10 dicembre. E l'Accademia di Svezia ha espresso la sua fiducia nel fatto che l'artista 75enne possa ritirare il premio l'anno prossimo, se dovesse visitare Stoccolma per tenere un concerto.

A esibirsi alla cerimonia di oggi sarà Patti Smith: la sua presenza era già prevista prima che venisse rivelato il vincitore del Nobel per la Letteratura; poi, quando si è saputo che era Bob Dylan e che lui non si sarebbe recato personalmente a ritirare il riconoscimento, Patti ha cambiato programma decidendo di non cantare un brano suo, ma 'A hard rain's a-Gonna Fall', che reputa "una delle canzoni più belle" di Bob Dylan. Su Facebook, Patti Smith ha detto di avere "un grande debito" con Dylan per l'influenza che ha avuto su di lei e si è dichiarata "molto orgogliosa" del fatto che interpreterà un brano del cantautore.
 

 

LE POLEMICHE SU BOB DYLAN. Il Nobel per la Letteratura è stato assegnato a Bob Dylan il 13 ottobre, una decisione inaspettata visto che è la prima volta che questo tipo di onorificenza viene data a un cantautore e non ad un autore in senso classico. Alla notizia però seguì il silenzio di Dylan, che suscitò non poche polemiche: l'artista accettò il riconoscimento solo dopo due settimane, a fine ottobre; la segretaria permanente dell'Accademia di Svezia, Sara Danius, rivelò che Dylan aveva ringraziato con una telefonata, dicendo che la notizia lo aveva lasciato "senza parole".

Il 15 novembre, poi, l'annuncio che non si sarebbe recato a ritirare personalmente il premio. L'Accademia di Svezia ha risposto con toni pacati, dicendo che "rispetta" la decisione di Dylan e che il fatto che un premiato non si rechi a Stoccolma è poco frequente, sebbene non eccezionale (è successo per esempio negli ultimi decenni con i britannici Doris Lessing e Harold Pinter e con l'austriaca Elfriede Jelinek). Ma dopo l'annuncio del premio il silenzio di Dylan è stato totale: il 30 novembre ha disertato anche la cerimonia organizzata da Barack Obama alla Casa Bianca per rendere omaggio ai vincitori Usa del Nobel.

Scritto da 
  • Chiara Battaglia
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Attacco ad un mezzo militare a Parigi

Francia, presunta sparatoria a Nimes: evacuata la stazione

I media francesi danno notizia di tre uomini arrestati dalla polizia dopo una sparatoria, ma per la prefettura non ci sarebbero stati colpi di arma da fuoco

Militanti ceceni prendono in ostaggio oltre 1000 tra donne e bambini in una scuola a Ossezia, Russia

Russia, accoltella otto passanti: Isis rivendica l'attentato

L'assalitore è un giovane del posto le autorità russe avevano scartato la pista del terrorismo

Germania, arrestati due adolescenti per attacco a Wuppertal

La polizia cerca altri due uomini di 23 e 29 anni legati ai fatti