Giovedì 15 Settembre 2016 - 12:15

Ocse: In Italia spesa istruzione cala del 14% in cinque anni

L'analisi del rapporto "Education at a glance 2016": docenti tra i più vecchi

Ocse: In Italia spesa istruzione cala del 14% in cinque anni, insegnanti i più vecchi

In Italia la spesa pubblica per l'istruzione è scesa del 14% tra il 2008 e il 2013, ma questo calo riflette "non solo una riduzione totale della spesa pubblica in termini reali, ma anche un cambiamento nella distribuzione della spesa su altre priorità". È scrive l'Ocse nel rapporto 'Education at a glance 2016', che monitora il sistema educativo dei principali paesi industrializzati. L'Organizzazione internazionale con sede a Parigi mette l'Italia tra i Paesi con i maggiori tagli all'istruzione nel confronto con la riduzione della spesa pubblica complessiva. L'Ocse sottolinea inoltre che gli insegnanti sono "i più vecchi tra tutti i Paesi Ocse" e presentano "una delle più basse presenze di insegnanti uomini" sul totale del corpo docenti.

 L'Ocse spiega che nel resto del settore pubblico, tra il 2008 e il 2013, i tagli sono stati del 2%, e precisa che la spesa nel settore dell'istruzione terziaria è appena del 4% nel 2013, contro un media dell'area del 5,2%. Tra gli insegnanti, 6-7 su 10 hanno oltre 50 anni, e 8 su 10 sono donne.

Questo, emerge dal rapporto, aumenta la quantità di giovani (20-24 anni) che non studiano né lavorano, i cosiddetti Neet, che sono saliti di 10 punti percentuali nell'ultima decade, "più che in qualsiasi altro Paese Ocse". Inolte l'organizzazione bacchetta l'Italia perché ancora una "porzione trascurabile" di studenti universitari nel 2014 seguono corsi di orientamento alla professione. Gli stipendi dei docenti sono calati in Italia del 7% in termini reali tra il 2010 e il 2014 e il salario di quelli con quindici anni di anzianità vale "solo il 93% di quanto valeva nel 2000". Si tratta, afferma l'Ocse, della principale ragione per cui è calata la spesa per studente del 5% nell'ambito dell'educazione secondaria. Gli investimenti dell'Italia in campo educativo sono particolarmente bassi nell'università, pari al 71% della media Ocse. I 9.238 dollari statunitensi per alunno/studente dalla primaria all'università risultano sono 1.200 euro in meno rispetto alla media Ocse.
 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Agcom: L'istruttoria su Mediaset-Vivendi è ancora in corso

Agcom: Istruttoria su Mediaset-Vivendi è ancora in corso

Sono infatti in pieno svolgimento tutti gli adempimenti necessari

Melfi, gli stabilimenti FCA

Acea: A dicembre vendita di auto in Ue al +3%, Fca cresce del 13,7%

A dicembre in Europa le immatricolazioni di auto a quota 1.143.653

Nasce il colosso degli occhiali, Luxottica si fonde con Essilor: operazione da 46 miliardi

Fusione tra Luxottica e Essilor: nasce il colosso degli occhiali

Operazione da 46 miliardi. Il closing è previsto per il secondo semestre del 2017: 140.000 dipendenti e vendite in oltre 150 Paesi

 Bankitalia: Le sofferenze a novembre cresciute dell'11,8% annuo

Bankitalia: Le sofferenze a novembre cresciute dell'11,8% annuo

. Nel totale delle sofferenze, 33,668 miliardi sono a carico di aziende manifatturiere, 43,529 miliardi nel settore costruzioni, 26,466 miliardi nel settore commercio e 23,947 miliardi nel settore immobiliare