Mercoledì 28 Dicembre 2016 - 17:00

Obama vuole punire Mosca per ingerenze voto: pronte sanzioni

La Russia replica: "Risponderemo in caso di nuovi passi ostili"

Obama vuole punire Mosca per ingerenze nel voto: pronte sanzioni economiche

L'amministrazione Obama sta per annunciare, entro questa settimana, una serie di misure per punire la Russia per la sua ingerenza nelle elezioni presidenziali Usa dell'8 novembre 2016. Tra i provvedimenti ci sono sanzioni economiche e censura diplomatica. È quanto riporta il Washington Post, citando fonti ufficiali Usa secondo cui il piano, di cui si stanno mettendo a punto i dettagli, prevedrebbe anche operazioni informatiche sotto copertura.

LEGGI ANCHE Usa 2016, Cia avverte: Russia intervenuta per far vincere Trump

La decisione delle sanzioni giunge dopo settimane di dibattito alla Casa Bianca su come rivedere un ordine esecutivo del 2015, che mirava a dare al presidente l'autorità per rispondere ai cyber-attacchi oltreoceano ma non copriva i casi di tentativo di influenza sul sistema elettorale. L'amministrazione sta provando a fare in modo da adattare questo al caso della Russia. Sempre secondo le fonti, le autorità vorrebbero anche rendere più difficile per il presidente eletto Usa Donald Trump ridimensionare le azioni che verranno intraprese.

LA RISPOSTA DI MOSCA. Se gli Stati Uniti intraprenderanno nuovi passi ostili contro la Russia, riceveranno una risposta. È quanto afferma il ministero degli Esteri russo, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Interfax, in risposta alle prossime misure dell'amministrazione Obama. La risposta di Mosca, fa sapere ancora il ministero degli Esteri russo, riguarderebbe ogni tipo di azione contro missioni diplomatiche russe.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"