Giovedì 10 Novembre 2016 - 19:15

Obama riceve Trump: Conversazione eccellente

Incontro positivo alla Casa Bianca tra il presidente uscente e il neo-eletto

Obama riceve Trump alla Casa Bianca

"Con il presidente eletto Trump abbiamo avuto una conversazione eccellente". Queste le prime parole del presidente Usa, Barack Obama, dopo avere ricevuto Donald Trump alla Casa Bianca. "Sono stato molto incoraggiato dall'interesse dimostrato dal presidente eletto Trump al fatto di lavorare con la mia squadra su molte delle questioni che il nostro Paese affronta". "Credo che sia importante per tutti noi, indipendentemente dal partito e dalla preferenza politica, lavorare insieme", ha aggiunto Obama.

L'attuale inquilino della Casa Bianca ha spiegato che il colloquio ha toccato diversi temi, dalla politica estera a quella interna. "La mia priorità nei prossimi due mesi sarà di agevolare una transizione che garantisca che il nostro presidente eletto abbia successo", ha affermato Obama.

Obama, parlando con i giornalisti nello Studio ovale al termine dell'incontro, ha detto inoltre che farà tutto il possibile per aiutare il repubblicano nella successione quando assumerà l'incarico il 20 gennaio.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti anche dall'Italia

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili, 70 anni di abusi in Pennsylvania coperti dalla Chiesa

Un Grand giurì ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti su oltre mille bambini