Giovedì 10 Novembre 2016 - 19:15

Obama riceve Trump: Conversazione eccellente

Incontro positivo alla Casa Bianca tra il presidente uscente e il neo-eletto

Obama riceve Trump alla Casa Bianca

"Con il presidente eletto Trump abbiamo avuto una conversazione eccellente". Queste le prime parole del presidente Usa, Barack Obama, dopo avere ricevuto Donald Trump alla Casa Bianca. "Sono stato molto incoraggiato dall'interesse dimostrato dal presidente eletto Trump al fatto di lavorare con la mia squadra su molte delle questioni che il nostro Paese affronta". "Credo che sia importante per tutti noi, indipendentemente dal partito e dalla preferenza politica, lavorare insieme", ha aggiunto Obama.

L'attuale inquilino della Casa Bianca ha spiegato che il colloquio ha toccato diversi temi, dalla politica estera a quella interna. "La mia priorità nei prossimi due mesi sarà di agevolare una transizione che garantisca che il nostro presidente eletto abbia successo", ha affermato Obama.

Obama, parlando con i giornalisti nello Studio ovale al termine dell'incontro, ha detto inoltre che farà tutto il possibile per aiutare il repubblicano nella successione quando assumerà l'incarico il 20 gennaio.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pierre Moscovici

Referendum, Moscovici (Ue): Toccati da esito, ma l'Italia è solida.

Il ministro tedesco Schaeuble: "Non bisogna parlare di crisi euro, Italia continui su strada di Renzi"

Francia, Valls annuncerà oggi la candidatura alle presidenziali

Francia, Valls annuncerà oggi la candidatura alle presidenziali

Oggi alle 18.30 scende il campo il premier transalpino

Austria, proiezione: Vince Van der Bellen con 53,6%, Hofer al 46,4%

Austria, verde Van der Bellen è presidente. Hofer sconfitto

Si sono chiusi i seggi del ballottaggio. Vince l'ecologista sull'ultranazionalista

In miglia per ultimo saluto a Fidel, ceneri sepolte a Santiago

In migliaia per ultimo saluto a Fidel, ceneri sepolte a Santiago

Raul l'ha definito "il figlio più illustre di Cuba in questo secolo"