Martedì 17 Gennaio 2017 - 22:30

Obama libera Chelsea Manning, grazia a talpa di Wikileaks

Julian Assange aveva detto che avrebbe accettato di essere estradato negli Usa in caso di grazia

Obama libera Chelsea Manning, talpa di Wikileaks: grazia da 28 anni di carcere

Il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha commutato la pena di Chealsea Manning, all'anagrafe Bradley, ex soldato e talpa di diverse rivelazioni di Wikileaks, che sarà quindi libera a maggio. Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, che aveva preannunciato di non escludere la grazia per Manning. Manning, che nel 2013 ha annunciato di sentirsi donna, è stata condannata a 35 anni di carcere da un tribunale militare per avere fatto filtrare centinaia di migliaia di documenti classificati nel 2010. In seguito aveva tentato per due volte il suicidio in prigione. Manning si trova in carcere da sette anni circa e, secondo l'annuncio della Casa Bianca citato dai media americani, sarà liberata il 17 maggio di quest'anno, anziché nel 2045. Da vedere ora cosa farà Julian Assange, che qualche giorno fa aveva fatto sapere che avrebbe accettato di essere estradato negli Stati Uniti se Obama avesse concesso la grazia a Manning. "Se Obama garantirà la clemenza a Manning, Assange accetterà l'estradizione negli Usa, nonostante l'evidente incostituzionalità del caso del dipartimento di Giustizia Usa", aveva twittato WikiLeaks.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo