Mercoledì 21 Settembre 2016 - 07:00

Obama: Accordo all'Onu per accogliere il doppio dei rifugiati

Nel suo ultimo discorso alle Nazioni uniti il presidente Usa attacca Putin: "Cerca la gloria perduta con l'uso della forza"

Obama: Accordo all'Onu per accogliere il doppio dei rifugiati, fino a 360mila

"Gli oltre 50 Paesi che partecipano al summit sui rifugiati all'Onu raddoppieranno l'accoglienza dei profughi", fino ad accoglierne 360mila. Il presidente americano Barack Obama, nel suo ultimo discorso all'Assemblea delle Nazioni unite, annuncia "orgoglioso" questo impegno per "salvare vite umane", anche se non è ancora "sufficiente" data la gravità della crisi. Un intervento a tutto tondo, quello di Obama, dalla situazione interna Usa a quella di Siria e Medioriente e dell'Ue. Parole apprezzate dal premier Matteo Renzi, che le ha elogiate: "Il presidente Obama ha scritto una pagina di storia negli Usa. Ha dato il suo addio all'Onu con un discorso contro la paura. Un grandissimo discorso che penso debba ispirare i leader e non solo gli Stati Uniti ma anche l'Europa. E' il senso di una storia che ha fatto gli straordinari". Ma Obama ha anche fatto un duro attacco contro il presidente russo Putin, accusato di cercare di recuperare la "gloria perduta attraverso l'uso della forza". 

IL DIFFICILE FRONTE SIRIANO. "In Siria è difficile che ci possa essere una vittoria militare definitiva, dobbiamo proseguire nel tentativo dei trovare una soluzione diplomatica". Molte nazioni, in particolare quelle più abbienti, secondo il presidente Usa possono fare di più e dare una mano ai rifugiati . Quanto al Medioriente, la situazione potrebbe migliorare se Israele riconoscesse di non poter occupare in maniera permanente i territori palestinesi e se i palestinesi rinunciassero ad incitare alla violenza. 

ENORMI PROGRESSI IN PATRIA. Obama ha parlato anche del fronte interno: "In otto anni abbiamo compiuto enormi progressi e non sarebbe stato possibile se non avessimo lavorato insieme. È stato un lavoro importante che ha fatto la differenza nella vita dei cittadini". "Abbiamo coordinato la ripresa che ha favorito la crescita dopo la peggiore crisi dei nostri tempi - ha spiegato Obama -, abbiamo potenziato il regime di non proliferazione nucleare, abbiamo risolto la questione iraniana con la diplomazia e abbiano riaperto i rapporti con Cuba e posto fine a lunghi conflitti. Abbiamo dato il benvenuto al nuovo leader della Birmania eletto democraticamente e abbiamo promosso l'assistenza reciproca e lo sviluppo. E soprattutto, abbiamo creato un quadro per tutelare il pianeta".

MONITO ALL'UE. "Di recente Bruxelles si è isolata nei tira e molla della politica", ha avvertito Obama parlando delle imperfezioni della democrazia, forma di governo che, comunque, Obama considera "la strada da seguire", altrimenti "le aspettative delle persone continueranno a rimanere insoddisfatte". Chi vede "il futuro dell'uomo forte, del modello imposto dall'alto in basso", ha spiegato il presidente, ha torto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Newly inaugurated U.S. President Donald Trump salutes as he presides over a military parade during Trump's swearing ceremony in Washington

Usa, Trump vieta l'esercito ai trans: Militari devono vincere

Il presidente americano scatena le polemiche per la sua decisione: "L'esercito non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell'esercito comportebbero"

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

La minaccia arriva in risposta ai commenti del direttore della Cia, Mike Pompeo, secondo il quale l'amministrazione Trump dovrebbe trovare un modo per separare Kim dal suo arsenale

Sarraj incontra Gentiloni e chiede navi italiane in acque libiche

Stretta di mano tra il primo ministro italiano e il capo del governo di unità nazionale libica

Migranti, Corte Ue: Anche in emergenza spetta a Paese d'arrivo esame richieste d'asilo

Emergenza migranti, Corte Ue: Asilo spetta a Paese d'arrivo

Nessuna deroga al regolamento di Dublino. Avvocatura europea: "Respingere ricorsi di Slovacchia e Ungheria su relocation"