Lunedì 21 Marzo 2016 - 16:00

Cuba, Obama incontra Raul Castro: storica stretta di mano

Il presidente Usa vede cardinale Ortega. Un gruppo di cubani accoglie il presidente americano: "Viva Obama, viva Fidel"

L'Avana, Raul Castro riceve Barack Obama

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha incontrato l'omologo cubano, Raul Castro, al Palazzo della Rivoluzione. I due leader si sono stretti la mani, hanno passato insieme in rassegna le truppe, mentre nella sala è esposta la bandiera americana. Durante la cerimonia ha risuonato l'inno statunitense. Castro, a fianco di Obama, ha stretto la mano anche al segretario di Stato John Kerry e ad altri rappresentanti americani. Prima, Obama aveva deposto una corona di fiori al memoriale di José Martí, in piazza della Rivoluzione. Il presidente americano ha fatto sventolare la bandiera e ascoltato l'inno americano, mentre sullo sfondo si vedeva l'immagine i Ernesto 'Che' Guevara. Nel discorso in cui parlerà al popolo cubano, il presidente degli Stati Uniti difenderà la libertà di espressione e associazione, così come il diritto di praticare la propria fede "senza costrizioni dal governo".  Obama è il primo presidente Usa a visitare Cuba da 88 anni: l'ultimo prima di lui era stato il repubbicano Calvin Coolidge nel 1928.

 Il presidente Obama, ha pubblicato sul suo profilo Facebook diverse fotografie del suo primo giorno in visita a Cuba.

 

¡Hola desde Cuba! Michelle, the girls, and I are here in Havana on our first full day in Cuba. It’s humbling to be the...

Pubblicato da President Obama su Lunedì 21 marzo 2016

 

Nel discorso in cui parlerà al popolo cubano, il presidente degli Stati Uniti difenderà la libertà di espressione e associazione, così come il diritto di praticare la propria fede "senza costrizioni dal governo". "Dirò che pensiamo che i valori in cui crediamo sono universali, che tutte le persone aspirano alla libertà di espressione e associazione, che tutte le persone aspirano a poter praticare la loro fede senza costrizione del governo e che l'applicazione dei modelli economici si può vedere in tutto il mondo", ha dichiarato Obama, in una intervista rilasciata all'Avana e pubblicata oggi da Abc News. Nell'intervista ha anche detto di ritenere che questo sia "il momento giusto" per l'apertura con Cuba e il suo viaggio, nonostante l'opposizione dei repubblicani.

INCONTRO CON CARDINAL ORTEGA. Dopo la passeggiata sotto la pioggia nel centro storico dell'Avana, La Habana vieja, il presidente Obama - arrivato ieri sull'isola dando il via alla storica visitasi è recato come da programma nella cattedrale della capitale cubana, edificio del XVIII secolo che si trova nella stessa zona, dove è stato ricevuto dal cardinale Jaime Ortega, che ha giocato un ruolo chiave nei colloqui segreti che 15 mesi fa hanno portato al riavvicinamento fra Cuba e Usa. Obama, che era con la moglie Michelle, le figlie Sasha e Malia e la suocera Marian Robinson, è stato accolto da piccoli gruppi di cubani e turisti stranieri. 

'Viva Obama, viva Fidel', cantava un gruppo di cubani che ha sfidato la pioggia per assistere al passaggio del presidente Usa in centro dopo la cena al ristorante. E a un certo punto un passante ha gridato 'Abbasso il blocco', in riferimento all'embargo Usa in vigore da 54 anni sull'isola. Obama, che ha risposto alzando la mano destra, ha chiesto al Congresso di rimuovere l'embargo, ma è stato bloccato dalla leadership repubblicana. Oggi Obama incontrerà Raul Castro, ma non il fratello Fidel, e parlerà con gli imprenditori. Domani invece incontrerà in privato alcuni dissidenti, si rivolgerà direttamente al popolo cubano con un discorso che sarà trasmesso in diretta dai media di Stato e assisterà a un'amichevole di baseball allo stadio dell'Avana fra la nazionale cubana e Tampa Bay Rays, squadra della Florida. 

CENA AL 'SAN CRISTOBAL'. Ieri la famiglia Obama ha concluso la serata con una cena privata in un 'paladar', questo a Cuba il nome dei ristoranti privati, il 'San Cristobal', che si trova nel centro dell'Avana. Secondo quanto riferisce la Casa Bianca, il ristorante è aperto da cinque anni e il proprietario abita insieme alla famiglia sopra il locale. La cena è giunta dopo una passeggiata sotto la pioggia nel centro storico, La Habana vieja, dove Barack Obama ha salutato alcuni cittadini che lo aspettavano vicino alla piazza della cattedrale mentre la moglie, Michelle, camminava a braccetto con la madre Marian Robinson. Dentro la cattedrale gli Obama sono stati ricevuti in privato dal cardinale cubano e arcivescovo dell'Avana Jaime Ortega.

Poi il gruppo del presidente Usa si è addentrato nelle stradine strette, dove centinaia di residenti hanno scattato foto dai balconi e dalle porte e hanno accolto il passaggio con applausi e acclamazioni. Molti abitanti dell'Avana tra cui bambini, secondo quanto ha potuto constatare Efe, hanno anche salutato con molto entusiasmo i giornalisti che stanno coprendo la visita di Obama e si sono fatti fotografare sorridenti.

GOOGLE E BOOKING VERSO L'ISOLA. Google come Booking sono pronte a sbarcare sull'isola. Sul fatto che l'azienda di Mountain View voglia estendere l'accesso a internet lo ha precisato il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in un'intervista rilasciata ad Abc News durante la sua storica visita sull'isola.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Alicia Machado

Trump attacca ancora ex miss Universo: Disgustosa, fece film hard

Il repubblicano chiamò Alicia Machado anche "miss porcella" e "miss colf"

Giappone, politici 'indossano' pancione: uomini, partecipate ai lavori di casa

Giappone, politici 'indossano' pancione: uomini aiutate in casa

Tre politici giapponesi si mobilitano per invitare gli altri uomini a dare una mano

Materiale per bombe in un'auto tra Austria e Germania: 4 arresti

Materiale per bombe in un'auto tra Austria e Germania: 4 arresti

L'autostrada 93 nei pressi di Kiefersfelden è rimasta bloccata per alcune ore